Instinct cancellata, la serie con Alan Cumming non arriva alla terza stagione: i saluti (e la rabbia) del cast

Instinct cancellata da CBS, la seconda stagione della serie con Alan Cumming sarà quella conclusiva: le reazioni del cast

In Italia è stata trasmessa per la prima volta su Rai2 solo lo scorso autunno, ma negli USA è già arrivata al capolinea: l’annuncio di Instinct cancellata da CBS arriva a pochi giorni dal finale della seconda stagione, che sarà trasmesso il 25 agosto dalla rete e rappresenterà anche il finale di serie, visto che non ci sarà un rinnovo per un capitolo ulteriore.

Il thriller/poliziesco, basato sul romanzo di James Patterson dal titolo Murder Games non raggiunge la terza stagione: CBS ha annullato per bassi ascolti la serie con protagonisti Alan Cumming, Bojana Novakovic, Daniel Ings, Naveen Andrews e Sharon Leal, rivelatasi quest’anno tra le meno seguite nel palinsesto estivo secondo i dati di tvseriesfinale.com (in media 3,39 milioni di telespettatori e un punteggio di 0,31 nella fascia demografica 18-49 anni).

La serie è incentrata sul personaggio del Dr. Dylan Reinhart (Cumming), un ex agente della CIA ora professore universitario e romanziere, che torna in azione per aiutare la detective della polizia di New York Lizzie Needham (Novakovic) nella sua caccia ad un serial killer. Ad affiancarli un vecchio collega di Dylan ai tempi dell’impegno nella CIA, Julian Cousins ​​(Andrews), e il tenente Jasmine Gooden (Leal).

La seconda stagione ha perso la metà degli spettatori rispetto alla prima: un calo drastico di consensi che ha posto fine a questa produzione. La cancellazione decisa da CBS è stata annunciata dal creatore della serie Michael Rauch, che però non perde la speranza di un futuro diverso per la sua serie.

Sono molto triste di comunicarlo: Instinct non sarà rinnovato per una terza stagione. Il nostro finale della seconda stagione (e della serie) andrà in onda il 25 agosto. Infinite grazie a Cumming e Novak per aver reso Dylan e Lizzie più di quanto avessi mai sperato. E grazie alla nostra incredibile troupe, cast, scrittori, produttori e tutti coloro che hanno contribuito a realizzare il nostro spettacolo e a farlo con rispetto e gentilezza. E un ringraziamento particolarmente importante ai nostri irriducibili fan per il vostro amore, la lealtà e il gusto eccellente. (È troppo presto, quindi, per chiedere un reboot?)

Anche i protagonisti Cumming e Novak hanno condiviso la loro delusione per il mancato rinnovo. Il protagonista maschile, in particolare, ha ricordato quanto sia stato importante il suo personaggio, quello di un agente della CIA dichiaratamente omosessuale.

Quindi è ufficiale. Instinct non tornerà per una terza stagione. Quasi esattamente tre anni fa mi è stata inviata una copia di un libro e poi ho incontrato chi doveva adattarlo per la TV e io sono saltato a bordo. E ci sono ancora, per altri due episodi domani e l’ultimissimo domenica prossima. E mentre mi dispiace che non reciterò più con Bojana Novakovic e il resto del fantastico cast e della troupe, sono grato per due stagioni di divertimento e fatica e mi sento come un dandy grazie ai costumi e ai selfie con cadaveri e opzioni vegane al catering e le occasionali apparizioni di Lala alla stazione di polizia quando si annoiava nel suo cestino sotto la mia scrivania. Sono anche orgoglioso di aver interpretato il primo personaggio di sempre in un film drammatico statunitense che è gay. Sì davvero. Per via di Instinct milioni di persone avranno visto per la prima volta l’interpretazione di un matrimonio omosessuale e spero che abbiamo cambiato e aperto alcune menti con questo.

Meno all’insegna del politicamente corretto l’addio della protagonista femminile.

Quando una porta si chiude un’altra… in realtà fanculo. Questofa schifo. Adoro tutti i nostri fan e il cast e la troupe più incredibili. Grazie a tutti per questi due incredibili anni.

In Italia la prima stagione è stata trasmessa da Rai2 nel 2018, ma la seconda ed ultima è ancora inedita.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.