Android Enterprise rivela Huawei P Smart Pro: device interessante con fotocamera pop-up

6
CONDIVISIONI

Spendiamo qualche parola sul Huawei P Smart Pro, un altro dispositivo che integrerà la fotocamera frontale pop-up, che ormai non è più un mistero, ma di cui comunque in molti vanno fieri. Stando a quanto riportato dal database del portale di Android Enterprise (che sappiamo raccogliere un po’ tutti gli smartphone raccomandati da Big G per l’utilizzo aziendale della propria piattaforma software), ha fatto la propria comparsa proprio il Huawei P Smart Pro, che dovrebbe montare uno schermo da 6.5 pollici, 4GB di RAM e 64GB di memoria interna (potrebbe essercene anche una versione con 6GB di RAM e 128GB di storage).

Non mancherà il lettore di impronte digitali, anche se non è chiaro se sarà incluso sotto lo schermo o posto lungo la scocca posteriore (considerata la portata del terminale, che non appartiene certamente alla fascia alta del mercato, potremmo anche imbatterci nella seconda soluzione senza restarne troppo sorpresi o delusi). Il device non sembra avere un display forato, né tanto meno solcato dal notch, cosa che lascia chiaramente intendere sarà dotato di una fotocamera frontale pop-up.

Non ci sono altri dettagli hardware da evidenziare, ma presupponiamo il Huawei P Smart Pro possa essere equipaggiato con il processore Kirin 810. Lato software la gestione verrà affidata al rodato Android 9.0 Pie con EMUI 9.x. Data la certificazione nel database di Android Enterprise, è altamente probabile il dispositivo possa essere presentato a breve, magari già nelle prossime settimane (i tempi dovrebbero essere questi, ma naturalmente restiamo in attesa di darvi comunicazioni più puntuali non appena l’azienda cinese ce ne darà modo). Se avete domande da farci nel frattempo, utilizzate il box dei commenti qui sotto per sottoporcele: saremo felici di rispondervi in tempi ragionevolmente corti per chiarire ogni vostro possibile dubbio.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.