Aggiornamenti Huawei: cosa succederà dopo il 19 agosto

Sarà concessa una nuova proroga a Huawei dopo il 19 agosto? Pare proprio di sì

28
CONDIVISIONI

Ricordate la proroga temporanea che era stata concessa a Huawei per l’utilizzo di Android e di tutti i suoi servizi, valida fino al 19 agosto? Stando a quanto riportato da ‘Huawei Central‘, tale licenza potrebbe essere prolungata per altri tre mesi. Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha aggiunto il produttore cinese all’Entity-List lo scorso maggio, scatenando un caos di proporzioni mondiali. Poco dopo alla società era stata concesso una sorta di periodo di recupero della durata di 90 giorni, che si concluderà, appunto, il 19 agosto, tra due giorni esatti da oggi.

La nuova proroga permetterà all’OEM di mantenere i clienti relativi alla proprie reti di telecomunicazioni, ed a fornire in generale aggiornamenti software agli smartphone Huawei. La fonte ha anche riferito che il Presidente degli Stati Uniti e la controparte cinese dovrebbero presto discutere del fatto in un colloquio telefonico, previsto per questo fine settimana. Il 29 giugno, a margine del G20 tenutosi in Giappone, Donald Trump ha annunciato che Huawei avrebbe potuto riprendere gli acquisti.

Nel frattempo, il Dipartimento del Commercio degli USA ha confermato che le aziende interessate dovranno richiedere delle licenze speciali per fare affari con Huawei. In tal proposito, molte grandi compagnie tecnologiche ne hanno fatto domande, così da poter vendere i propri prodotti al colosso di Shenzen (pensate che solo nel mese scorso, stando a quanto affermato dal segretario del DDC, Wilbur Ross, sono pervenute più di 50 domande, e ci si aspettava di riceverne anche altre). Il Ministero del Commercio USA non si è ancora espresso ufficialmente in merito (attendiamo un qualche annuncio in tempi brevi, affinché questa situazione possa essere finalmente chiarita). Nel caso in cui le parti non dovessero trovare un accordo, scatterebbe l’ora di HarmonyOS, inizialmente non concepito per gli smartphone. Speriamo in felici risvolti il prima possibile.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.