Non c’è pace per il Huawei Mate X: l’azienda lo rimanda ancora

Credevamo di veder arrivare a settembre il Huawei Mate X, ma potrebbe non essere così

6
CONDIVISIONI

Speravamo di veder arrivare per settembre il Huawei Mate X, il primo smartphone pieghevole del produttore cinese, purtroppo soggetto ad un ulteriore ritardo nella fase di lancio. Stando a quanto riportato da ‘Huawei Central‘, a differenza del Mate 20 X 5G, che si è già fatto largo nei mercati di tutto il mondo, il flessibile si farà attendere ancora prima di essere regolarmente commercializzato. Il device è in fase di ottimizzazione e non sarà posto a scaffale fino a che non sarà del tutto pronto.

Secondo un evento stampa tenutosi presso la sede centrale dell’azienda cinese nel quartier generale di Shenzen, la società avrebbe deciso di spostare l’uscita del Huawei Mate X da settembre a novembre, dando tempo e modo al Samsung Galaxy Fold di farsi conoscere al pubblico (ricordiamo che anche il primo smartphone pieghevole del colosso di Seul è stato soggetto ad alcuni problemi che ne hanno richiesto il rimando del debutto commerciale, problemi che però adesso sembrano essere stati risolti).

Una cosa è certa: il Huawei Mate X arriverà prima della fine del 2019. La fonte ci ha anche fatto sapere che sono state apportate nuove modifiche al prodotto, anche relativamente al pulsante di blocco, adesso più sottile, oltre ad alcuni altri miglioramenti alla cerniera. L’azienda ha anche provato a sostituire il pannello posteriore in acciaio con l’alluminio per ridurre il peso finale, ma alla fine il telaio è rimasto in acciaio per motivi che non sono stati esplicitati. Sono stati condotti anche altri esperimenti sul dispositivo, ma gli ultimi ritocchi devono ancora essere ultimati, cosa che ha spinto il produttore cinese ad attendere almeno il mese di novembre per il debutto commerciale del Huawei Mate X, che speriamo presto o tardi di vedere apparire sul mercato globale.

Segui gli aggiornamenti della sezione Huawei sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.