Focus sulla patch B135 per Huawei Mate 20 Pro e Mate 20: allineati ai P30 con una nuova funzione

Segnalata oggi 16 agosto una nuova patch che potrebbe rivelarsi più interessante del previsto in Italia

28
CONDIVISIONI

Stanno arrivando novità molto interessanti oggi 16 agosto per i tanti utenti che nell’ultimo anno hanno deciso di acquistare un Huawei Mate 20 Pro o un Mate 20. Il motivo? Dopo la patch che abbiamo portato alla vostra attenzione a fine luglio, come avrete notato dall’articolo pubblicato sul magazine, questo venerdì tocca già guardare avanti. Già, perché il produttore asiatico ha voluto migliorare in tempi ristretti l’esperienza di utilizzo di EMUI 9.1 per il pubblico. Proviamo dunque a capire come cambieranno le cose nelle prossime settimane.

La novità è stata riportata da una come Huawei Central, secondo cui anche qui in Europa verrà avviata a momenti la distribuzione dell’aggiornamento B135. Secondo quanto raccolto fino a questo momento, grazie al firmware in questione, contenente la patch di agosto, avremo la possibilità di imbatterci nel cosiddetto DC Dimming. Dal changelog emerso fino a questo momento, non emergono ulteriori aggiunte per il pubblico italiano e quello del resto d’Europa che aspettavano uno step simile.

A cosa serve esattamente la funzionalità DC Dimming? Una volta installato l’aggiornamento B135, i vostri Huawei Mate 20 e Mate 20 Pro dovrebbero risultare più simili alla serie P30, che ha avuto modo di fare questo step il mese scorso. La feature consente una volta per tutte di ridurre lo sfarfallio dei display OLED. In questo modo avremo la possibilità di limitare una volta per tutte l’affaticamento degli occhi.

Indubbiamente una bella notizia per tutti coloro che puntano a fare questo step per migliorare il modo in cui siamo abituati ad utilizzare gli stessi Huawei Mate 20 Pro e Mate 20 nel quotidiano, anche perché il problema citato è stato evidenziato dal pubblico in diverse circostanze in questi mesi. Avete già ricevuto l’aggiornamento B135 sui vostri device? Fateci sapere con un commento a fine articolo.

Commenti (5):
Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.