Rilascio EMUI 10: ecco quali device riceveranno prima la beta in Cina

Stilata la scaletta dei primi dispositivi Huawei e Honor che riceveranno EMUI 10 in versione beta, a partire dalla Cina

11
CONDIVISIONI

Sono giorni ormai che non si fa altro che parlare di EMUI 10, la nuova UI del colosso di Shenzen presentata durante il Huawei Developer Conference. Vi avevamo già annunciato che i Huawei P30 e P30 Pro sarebbero stati i primi a riceverla in versione beta il prossimo 8 settembre: a questi dispositivi se ne aggiungeranno presto altri. Come riportato da ‘news.mydrivers.com‘, alla fine del prossimo mese toccherà anche ai Huawei Mate 20, Mate 20 Pro, Mate 20 X e Mate 20 RS Porsche Design, mentre per la fine di ottobre lo stesso trattamento è previsto per Honor 20, Honor 20 Pro, Honor v20 e Honor Magic 2.

Tenete presente che i tempi si riferiscono al territorio cinese, e che quindi ci vorrà del tempo prima di assistere al rilascio della release in Europa. In ogni caso, non c’è motivo di dubitare della fonte (che a propria volta sostiene di rifarsi al forum cinese ufficiale del produttore), che già in passato si è dimostrata molto affidabile.

Questo per quanto riguarda i dispositivi che entreranno nel breve a contatto con EMUI 10, a cui bisogna aggiungere quelli che ne disporranno in maniera nativa, vale a dire i Huawei Mate 30 e Mate 30 Pro, che, per quanto ne sappiamo, dovrebbero essere presentati il prossimo 19 settembre, in largo anticipo rispetto a quanto suggeriva la tradizione (forse per tenere meglio testa ai Samsung Galaxy Note 10 e Note 10 Plus, che ricordiamo essere stati annunciato dal produttore sudcoreano lo scorso 7 agosto in un evento tenutosi a New York, e che abbiamo seguito per voi). Adesso che il quadro dei primi dispositivi che riceveranno EMUI 10 è finalmente completo, non ci resta che attendere l’avvio del roll-out della beta, almeno in Cina (in alternativa, se proprio non volete aspettare, potreste puntare direttamente sui Huawei Mate 30 e Mate 30 Pro).

Commenti (5):

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.