Torna il sereno tra Huawei e Android: gli smartphone dell’OEM rientrano tra i prodotti Enterprise

Ormai non abbiamo più motivo di temere che le strade di Huawei e Android si dividano

50
CONDIVISIONI

Tutti avevano creduto che HarmonyOS dovesse sostituire degnamente Android nella gestione software degli smartphone Huawei e Honor, ma a quanto pare non sarà necessario (diciamo che qualcosa avevamo intuito, ma che inizialmente la data del 19 agosto, che cadrà tra meno di una settimana, ci aveva un po’ fatto intimorire). Nel corso dell’evento di presentazione del sistema operativo proprietario, il colosso cinese ha fatto sapere di voler ancora a lungo usufruire della partnership con Google, almeno fino a quando gli sarà concesso.

Stando a quanto riportato da ‘huaweicentral.com‘, la questione sembra destinata a rimanere tale: secondo il portale di Android Enterprise, gli smartphone realizzati dalla società di Shenzen sono riportati tra i dispositivi di soluzione enterprise raccomandati da Android (cosa che era stata rimossa in seguito all’annuncio della lista nera diramata dagli Stati Uniti per ragioni di sicurezza, in cui era stata inserita anche Huawei). L’elenco ora include la serie dei Huawei Mate 20, il Mate 20 X 5G, il P20 Pro, il Y9 Prime 2019, la serie Nova 5, quella degli Honor 20, Honor 9X ed altro ancora.

Adesso che la morsa intorno ad Huawei è stata un poco allentata ad opera di Trump, il dipartimento del commercio degli Stati Uniti ha confermato di lavorare su un nuovo accordo di licenza per le aziende interessate ad intrattenere rapporti commerciali con Huawei, cosa a cui Google sembra essere molto propensa. Tutti i pezzi del puzzle sembrano si stiano ricomponendo, per il bene dell’azienda cinese e di quel che gravita intorno ai bene di sua produzione. Non abbiamo altro da aggiungere al momento, ma saremo felici di tornare a parlarvi dell’evoluzione di questa vicenda molto presto, appena se ne presenterà l’occasione. Se nel frattempo aveste domande da farci, interagite con noi attraverso il box dei commenti.

Segui gli aggiornamenti della sezione Huawei sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.