Nuovissimo render del Huawei Mate 30 Pro: fugato ogni dubbio

Sarà accolto benissimo il Huawei Mate 30 Pro: eccolo nell'ultimo render

35
CONDIVISIONI

Un nuovo render del Huawei Mate 30 Pro sembra profilarsi (come riportato da ‘slashleaks.com‘), facendo evincere qualche contraddizione rispetto al precedente, da cui pare differire per la collocazione dei sensori fotografici e del flash LED dentro l’oblò rotondo che dovrebbe caratterizzarlo, oltre che per la disposizione degli elementi all’interno del notch. Si tratta di dettagli del tutto irrilevanti, che i produttori di cover possono ignorare, così come l’utente finale (ciò che conta è il prodotto finito, non importa se la fotocamera è disposta a destra o a sinistra, o più in alto o più in basso).

Per il resto non si evidenziano differenze tra i due render, praticamente speculari: i tasti sono collocati nella stessa posizione, le cornici presentano le medesime dimensioni, gli schermi risultano curvi ai lati, il modulo della fotocamera posteriore ed il notch pure possono sovrapporsi. Probabile il produttore cinese abbia intenzionalmente inviato ai produttori di cover modelli di prodotti non finiti, consapevoli che la cosa non avrebbe affatto inciso sul loro lavoro. Tra i due render raffiguranti il Huawei Mate 30 Pro quello che più ci ha convinto è stato quest’ultimo, quello trapelato nelle scorse ore e di cui vi abbiamo parlato oggi. Vedremo se in seguito saremo messi nelle condizioni di rivelarvi altri particolari per completare il quadro della situazione sopra descritta (anche se tutto ci sembra già da adesso piuttosto chiaro).

Vi ricordiamo che il Huawei Mate 30 Pro, insieme al Mate 30, dovrebbe essere presentato il prossimo 19 settembre, e girare con il nuovissimo processore Kirin 990, oltre che a presentare quattro fotocamere posteriori, di cui due da 40MP, una da 8MP ed uno ToF (Time of Flight). Un bel gioiello senz’altro, che non vediamo l’ora di stringere tra le nostre mani non appena disponibile.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.