Lenti periscopiche per lo Xiaomi Mi MIX 4: nuove conferme

Possibile innesto di lenti periscopiche nella fotocamera dello Xiaomi Mi MIX 4

14
CONDIVISIONI

Saranno molti ad attendere lo Xiaomi Mi MIX 4, specie adesso che diventa sempre più plausibile il device possa adottare una fotocamera periscopica. Stando a quanto riportato da ‘91mobiles.com‘, ci sarebbe un secondo brevetto registrato presso la WIPO (World Intellectual Patent Office) in cui il terminale non lascia spazio ad altre interpretazioni (il primo risaliva a qualche settimana fa). Guardando il device posteriormente vi renderete subito conto che l’elemento squadrato in alto ha tutta l’aria di essere un sensore zoom periscopico, cui fanno seguito altre tre fotocamere disposte in senso verticale.

Non sappiamo dirvi se quello rappresentato nelle foto sia realmente lo Xiaomi Mi MIX 4, ma una cosa è certa: il produttore cinese ha intenzione di seguire le orme di OPPO e Huawei nella realizzazione di una fotocamera periscopica, che sta tenendo decisamente banco in questo periodo sulla scia della strada spianata dal P30 Pro, divenuto anche per tale motivo l’oggetto del desiderio di moltissimi utenti. Per il resto, lo Xiaomi Mi MIX 4, così come lo vediamo in foto (ammesso e non concesso si stia parlando dello stesso dispositivo), esibisce una fotocamera a scomparsa ed un design full-screen con cornici assai ridotte.

Non è la prima volta che si parla di lenti periscopiche per questo device, e quindi non ci stupiremmo affatto se l’OEM cinese decidesse di integrarle a bordo. La situazione, al momento, sembra essere questa, anche se tra il dire ed il fare ci sono di mezzo così tante cose da non potervi dare la certezza matematica che sarà veramente così. Per il resto bisognerà attendere la presentazione dello Xiaomi Mi MIX 4, che speriamo porti con sé anche altre sorprese oltre a quella, apprezzata, della fotocamera periscopica. Se avete domande da farci non avete che da chiedere attraverso il box dei commenti qui sotto.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.