Prezzi a rate di TIM e Vodafone relativi ai Samsung Galaxy Note 10 e Note 10 Plus

Quanto costeranno i Samsung Galaxy Note 10 e Note 10 Plus con TIM e Vodafone: le proposte

I Samsung Galaxy Note 10 e Note 10 Plus sono stati presentati da poco, ma ci è sembrato giusto affrontare l’argomento più delicato, il prezzo. Dopo avervo parlato delle migliori offerte Amazon e delle proposte di Wind e Tre, adesso concentriamoci sulle iniziative di TIM e Vodafone per riuscire a portarsi via a rata il phablet di ultimissima generazione.

Il gestore blu, per esempio, propone il modello standard con 8GB di RAM e 256GB di storage al listino di 979,90 euro, con un contributo iniziale di 139 euro, una rata mensile di 26 euro ed il pagamento tramite carta di credito (il contratto ha una durata minima di 30 mesi). Il Note 10 Plus con 12GB di RAM e 256GB di memoria interna presenta con TIM un prezzo di listino pari a 1129.90 euro, con una spesa di anticipo di 129 euro e rate mensili da 30 euro (anche in questo caso il limite di permanenza è fissato a 30 mesi). Per tutte le informazioni del caso vi rimandiamo alla pagina ufficiale dell’operatore telefonico.

Per quanto riguarda Vodafone, ci duole comunicarvi che il gestore rosso non ha ancora provveduto a divulgare i prezzi relativi ai Samsung Galaxy Note 10 e Note 10 Plus, anche se ha messo a disposizione degli utenti interessati un apposito form, raggiungibile da questo indirizzo, attraverso il quale ricevere notizie sulla disponibilità del modello prescelto, che dovrà essere preventivamente indicato (dovrete compilarlo con i vostri dati anagrafici per essere ricontattati). Vi ricordiamo che i Samsung Galaxy Note 10 e Note 10 Plus debutteranno sul mercato il prossimo 23 agosto, anche se nel frattempo ci è sembrato doveroso iniziare a darvi la possibilità di guardarvi intorno per individuare l’offerta più giusta per sé e per le proprie tasche (trattandosi di un prodotto che ha comunque un certo costo è giusto ponderare bene le scelte da fare).

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.