Gli ospiti di Napoli Pizza Village 2019 da Mahmood e Anastasio ad Achille Lauro e molti altri

Pizza e musica sul lungomare di Napoli dal 13 al 22 settembre

Sono stati annunciati gli ospiti della nuova edizione del Napoli Pizza Village, in programma sul lungomare partenopeo dal 13 al 22 settembre 2019. Pizza e musica, sono questi gli ingredienti delle serate per le quali sono in programma le esibizioni di 14 special guest in diretta in radiovisione su RTL 102.5, media partner anche quest’anno.

Sul palco del Napoli Pizza Village 2019 si esibiranno il vincitore in carica del Festival di Sanremo, Mahmood, e il vincitore di X Factor, il rapper Anastasio. Presenti i Boomdabash, reduci dal successo al Festival di Sanremo con il brano Per Un Milione, ora in radio con Alessandra Amoroso per il singolo Mambo Salentino. Tra gli artisti rivelati nelle scorse ore ci sono Arisa, Enrico Nigiotti e Achille Lauro.

A Napoli è attesa anche Bianca Atzei che presenterà il nuovo singolo, La Mia Bocca. Ci saranno poi Edoardo Bennato e Cristiano Malgioglio. Chiudono il cast la rapper Baby K e Dolcenera, testimonial del progetto di GreenPeace Plastic Radar il cui calendario è in via di definizione e verrà comunicato all’inizio del mese di settembre.

Una selezione degli artisti italiani in radio in estate con alcune delle canzoni più apprezzate del momento è ciò che propone il Napoli Pizza Village, unitamente alla possibilità di gustare la vera pizza napoletana direttamente sul mare.

Non termina qui l’elenco degli artisti in programma per il Napoli Pizza Village 2019. Restano top secret due nomi: quello dell’ospite della serata di apertura del 13 settembre e quello di un grande gruppo musicale che si aggiungeranno successivamente agli artisti confermati alla data odierna.
Entrambi verranno svelati entro la fine del mese di agosto insieme al calendario completo degli eventi in programma a Napoli dal 13 al 22 settembre 2019 per l’evento che celebra la pizza, insieme a tanta buona musica.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.