Juventus “ruba” azzurro. Tifosi Napoli arrabbiati

La terza maglia della Juventus somiglia molto a quella del Napoli. Gli appassionati azzurri ,che sfottono i rivali definendoli “non colorati”, preparano iniziative clamorose per indurre la Juventus a restituire maltolto

178
CONDIVISIONI

Il blu Juventus della terza divisa  è praticamente identico all’azzurro Napoli complice anche l’effetto camouflage. La sfida scudetto Juventus-Napoli, che ha infiammato le ultime stagioni, si sposta dunque anche sul terreno del marketing creativo. La Juventus vuole vincere tutto e tenta d’impadronirsi anche dei colori rivali ? Dopo la presentazione della terza maglia ha ancora un senso parlare di sfida tra azzurri e bianconeri?  Il moderno marketing tiene davvero conto dei colori storici delle formazioni?

Il tema è molto sentito. Il tam tam su social e chat diventa assillante. Qualche tifoso più tradizionalista pensa addirittura a petizioni ed iniziative legali per convincere la Juventus a “restituire” il maltolto: il colore della maglia del Napoli.

Ma da tempo ormai le esigenze di cassa hanno allontanato le maglie ufficiali dai colori tradizionali delle formazioni più amate. Nell’ultimo quinquennio, con la moda del camouflage, ne abbiamo davvero viste di tutti i colori. Ed è diventato persino difficile riconoscere immediatamente la squadra del cuore dal colore della maglia.

I tifosi sono sconcertati, ma in qualche modo rassegnati a far l’occhio alle nuove divise. Il troppo però è troppo. Vedere al San Paolo la Juventus con la maglia azzurra sarebbe uno smacco mortale, un oltraggio cromatico e sportivo devastante, quasi una bestemmia. Come se il Napoli indossasse i colori bianconeri allo Stadium di Torino. Crollano tutte le certezze: addio alle mezze stagioni, la frutta prima era più saporita, ai miei tempi con mille lire, etc. etc.

La disfida cromatica è appena cominciata. L’arcobaleno ha una tavolozza infinita di sfumature cromatiche. Vediamo cosa ci riserva il futuro: azzurro o bianconero che sia.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.