Primi smartphone con sistema operativo Huawei entro Natale, è la nuova frontiera?

Si torna a parlare di Hongmeng OS su telefoni del brand, tra le altre cose economicissimi

21
CONDIVISIONI

Si ritorna a parlare insistentemente di Hongmeng, il nuovo sistema operativo Huawei. Sebbene, nel mese di luglio era stato più volte ribadito che il nuovo OS proprietario fosse destinato a computer, sistemi di guida autonoma e più in generale all’Internet of Things, nuove indiscrezioni vorrebbero i primi smartphone con la specifica esperienza software già pronti entro la fine dell’anno.

A darne notizia è la fonte cinese Globaltimes, la quale fornisce non pochi dettagli sull’avvento dei device serviti dalla nuova experience. Proprio gli smartphone con il sistema operativo Huawei dovrebbero essere almeno presentati in contemporanea con il lancio autunnale della nuova serie Huawei Mate 30. Per la relativa commercializzazione poi, bisognerebbe attendere non molto e le rispettive vendite partirebbero comunque entro la fine dell’anno e dunque Natale.

Ulteriori dettagli sulla topologia di smartphone con sistema operativo Huawei sono stati forniti sempre dalla fonte cinese su menzionata. I device in questione non sarebbero niente affatto top di gamma ma piuttosto appartenenti alla categoria di fascia media. In particolar modo, il sito asiatico si sbilancia sul prezzo degli esemplari che non dovrebbe superare i 2000 yuan, poco più di 150 euro al cambio attuale.

Quale sarebbe lo scopo di lanciare smartphone con sistema operativo Huawei? Con la vicenda ban USA nei confronti del brand non ancora del tutto chiusa e con i nuovi venti di bufera che soffiano nella guerra dei dazi tra Stati Uniti e Cina, il produttore sarebbe intenzionato a mantenere una porta aperta verso una sua alternativa software rispetto ad Android. Partire da device molto economici per iniziare a testare l’OS, significherebbe non inficiare il destino delle serie di maggiore successo e allo stesso tempo iniziare a testare realmente su strada la nuova esperienza, attirando al contempo sviluppatori per la complessa progettazione del grosso ecosistema di app necessario. Naturalmente, per il momento, non ci sono conferme ufficiale di questa ultima strategia ma questa potrebbe non mancare a breve.

Segui gli aggiornamenti della sezione Huawei sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.