Che occasione mancata per gli iPhone 2019, lettore impronte e FaceID insieme fra troppo tempo

Due anni ancora per commercializzare in melafonino con riconoscimento impronta e viso contemporaneamente

11
CONDIVISIONI

Tutti ad aspettare gli iPhone 2019 che verranno con il solito tam tam di indiscrezioni sulla loro uscita prevista per i primi di settembre. Eppure, c’è chi guarda già oltre e la cosa non depone certo a favore dei melafonini quasi pronti al lancio, vista la mancanza di una vera e propria portata tecnologica rivoluzionaria che li riguarda. La vera rivoluzione arriverà invece solo decisamente più in là nel tempo?

Il solito analista Ming-Chi Kuo che proprio sul futuro dei prodotti Apple difficilmente sbaglia un colpo, ha appena asserito quanto segue: Apple sta lavorando ad una nuova tecnologia di sicurezza che combina insieme l’ormai più tradizionale FaceID con il lettore di impronta digitale sotto lo schermo sullo stesso device. Ottima notizia certo per i fautori dell’innovazione ma l’altro lato della medaglia è che una simile rivoluzione non arriverà sugli iPhone 2019. A dirla tutta, neanche su quelli del 2020. L’esperto prevede in effetti che una specifica doppia funzione farà capolino solo sui prodotti Apple top di gamma del 2021. Una vera e propria eternità ci separa da quanto già non pochi device Android fanno ora e la cosa non è certo incoraggiante.

Sugli iPhone 2019 di cui si attende oramai solo la presentazione settembrina sarà di scena solo il FaceID come metodo di riconoscimento facciale in grado di mettere al sicuro appunto il device. Per una tecnologia combinata con un lettore di impronte sotto il display, a Cupertino, hanno deciso di aspettare e non poco. Nel corso del 2020, sempre secondo Kuo, la progettazione della specifica unità sotto lo schermo sarà nel vivo ma per la commercializzazione di un dispositivo con questa feature bisognerà attendere appunto il 2021. A giustificare questa lunga attesa potrebbe esserci la presentazione di una tecnologia davvero all’avanguardia, con un’ampia zona del pannello adibita al riconoscimento e con una velocità e precisione degni di nota.

Bisognerà davvero trovare altre motivazioni e punti di forza per l’acquisto degli iPhone 2019 dunque e di certo Apple spera che il ritardo accumulato su questo versante dell sicurezza dei suoi melafonini non rechi troppi danni.

Segui gli aggiornamenti della sezione iPhone X sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.