Cara Delevingne e Ashley Benson si sono sposate in gran segreto? Le rivelazioni sulle nozze dell’anno

Cara Delevingne e Ashley Benson si sono sposate a Las Vegas, almeno secondo il Sun

10
CONDIVISIONI

Non c’è bisogno di avere centinaia di invitati e nemmeno esclusive e paparazzi, a volte (dovrebbe essere così sempre) basta l’amore e questo Cara Delevingne e Ashley Benson lo hanno capito bene. Le due vivono il loro rapporto in totale discrezione e lo stesso hanno fatto con il loro matrimonio almeno secondo un testimone di tutto rispetto, ovvero il proprietario della location che le due hanno scelto per dirsi sì.

Secondo quanto riporta il Sun sembra che Cara Delevingne e Ashley Benson si siano sposate in gran segreto già mesi fa e alcuni adesso sono pronti a scommettere che il famoso video del bacio postato sui social a giugno (video che ha reso ufficiale la loro unione) sia proprio relativo a quel momento, a quando nella Little Chapel di Las Vegas le due sono diventate “moglie e moglie”.

La modella Cara Delevingne, 26 anni, e l’attrice Ashley Benson, 29 anni, avrebbero optato per una cerimonia molto privata e easy scegliendo Las Vegas e la cappella a Tema Elvis Presley come location. La stessa cappella, mesi fa, è stata scelta da Sophie Turner e Joe Jonas prima del sontuoso matrimonio bis a Parigi. Proprio i due, secondo Michael Kelly, erano tra gli ospiti della cerimonia privata insieme a Charlize Theron. Le nozze sono costate circa 370 euro e sul «Sun» si legge: “Hanno voluto una cerimonia semplice, silenziosa, easy”.

Lo stesso rivela poi che le due hanno scelto un look totale black per le nozze ma Ashley Benson, l’amata Hanna di Pretty Little Liars, ha aggiunto un bouquet. Dopo il sì e il bacio di rito, la coppia si è fatta fotografare sulla Cadillac rosa che la cappella mette a disposizione degli sposini ma dopo sono corse in albergo saltando anche la questione “party”, almeno secondo Kelly.

Al momento le due non hanno commentato sui social la presunta notizia.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.