A$AP Rocky è libero ed è tornato negli Stati Uniti dopo un mese di carcere in Svezia (video)

Il rapper, le cui condizioni detentive avevano suscitato polemiche, è tornato a casa: A$AP Rocky è rientrato dalla Svezia e attenderà il giudizio definitivo negli USA

4
CONDIVISIONI

Dopo essere stato arrestato per una rissa in Svezia insieme a due collaboratori, A$AP Rocky è libero ed è tornato negli Stati Uniti.

Il rapper, all’anagrafe Rakim Mayers, è atterrato a Los Angeles sabato 3 agosto e potrà attendere negli Stati Uniti il verdetto sulla sua imputazione, previsto per il 14 agosto. La vicenda l’ha costretto a cancellare le date del suo tour europeo, tra cui quella prevista a Milano lo scorso luglio.

La storia del suo arresto ha suscitato molte polemiche negli Stati Uniti e non solo. È stato arrestato in Svezia il 2 luglio a seguito di una rissa in strada con un ragazzo, il diciannovenne Mustafa Jafari, avvenuta il 30 giugno ed è stato detenuto con l’accusa di violenza aggravata. I suoi avvocati hanno denunciato le condizioni indecenti in cui è stato detenuto, parlando di evidenti violazioni dei diritti umani e sostenendo di avere avuto difficoltà nell’esercitare diritti come l’incontro con l’ambasciatore americano in Svezia.

I pubblici ministeri svedesi hanno chiesto per il cantautore una pena detentiva di sei mesi, ma l’udienza preliminare si è rivelata favorevole al rapper e ai suoi co-imputati Thoto e Bladi, che in assenza di pericolo di fuga sono stati rilasciati. A tutti è stato permesso di tornare negli Stati Uniti in attesa del giudizio definitivo. Sulla liberazione del cantante è intervenuto anche il presidente Donald Trump con un tweet, che ne ha annunciato il ritorno in America con un gioco di parole riferito al nome d’arte del rapper (“Torna a casa prima possibile“).

Prima di atterrare a Los Angeles, A$AP Rocky ha pubblicato un post su Instagram per ringraziare quanti gli hanno mostrato sostegno durante questo mese di detenzione.

Un grazie dal profondo del mio cuore a tutti i miei fan, amici e chiunque in giro per il mondo mi abbia sostenuto durante queste ultime settimane. Non so nemmeno da dove iniziare a spiegare quanto sia grato a ciascuno di voi. È stata un’esperienza molto molto difficile, voglio ringraziare la corte per aver consentito a me, Bladi e Thoto di tornare dalle nostre famiglie e amici. Grazie di nuovo per tutto l’amore e il sostegno.

Ecco il video del suo arrivo a Los Angeles.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.