Uebe è il nuovo album di Fred De Palma in uscita a settembre

"Uebe rappresenta il cambiamento, inventare qualcosa che prima non c’era e renderla tua; Uebe è l’inizio di un movimento", Uebe è l'album di Fred De Palma in arrivo dopo l'estate

28
CONDIVISIONI

Si intitola Uebe il nuovo album di Fred De Palma e verrà rilasciato il prossimo 13 settembre con Warner Music.

Dopo il successo del singolo Una Volta Ancora, un mix perfetto tra bachata e reggaeton, Fred De Palma annuncia il rilascio del nuovo disco di inediti che conterrà i singoli rilasciati dall’artista degli scorsi mesi. In Uebe ci saranno brani come D’Estate Non Vale, Dio Benedica il Reggaeton con Baby K, e Sincera ma anche il nuovo singolo che sta conquistando le classifiche estive.

Una Volta Ancora feat. Ana Mena è questa settimana alla posizione numero 2 della classifica Fimi dei singoli più acquistati della settimana, alle spalle di Dove e Quando di Benji e Fede. Ha raggiunto inoltre la certificazione Platino per le vendite e continuando la sua ascesa nella classifiche di vendita e di streaming (al.2 di Spotify Italia, al n.2 della classifica Fimi/Gfk) con oltre 22 milioni di streaming e 27 milioni di visualizzazioni per il video ufficiale.

Non poteva che essere questo il periodo più adatto per il lancio del nuovo disco di inediti di Fred De Palma. Il king del reggaeton annuncia la pubblicazione di Uebe, in programma per il 13 settembre. Conterrà – oltre ai brani già menzionati, hit degli scorsi mesi – nuovi brani con importati collaborazioni non ancora rivelate.

“UEBE vuol dire baby.
UEBE rappresenta il cambiamento, inventare qualcosa che prima non c’era e renderla tua.
UEBE è l’inizio di un movimento.
UEBE è il titolo del mio nuovo disco che uscirà il 13 settembre.
Dillo a tutti, UEBE”

Con questo messaggio sui social, Fred De Palma racconta il significato del titolo, Uebe, l’inizio di un movimento ma anche un cambiamento che porta ad inventare qualcosa di nuovo.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.