La petizione del pubblico contro il finale di Veronica Mars 4: “Offensivo e sessista”

Dopo la delusione per il finale shock di Veronica Mars 4 scatta la petizione del pubblico contro lo showrunner e le sue scelte creative

25
CONDIVISIONI

Rob Thomas sapeva benissimo che la sua scelta creativa gli avrebbe procurato gli strali di una parte del pubblico, ma il finale di Veronica Mars 4 è la sua scommessa sulla prosecuzione della serie. Nonostante gli effetti collaterali non siano tardati ad arrivare.

ATTENZIONE SPOILER.

Dopo il tragico finale del revival targato Hulu, scritto dallo showrunner per fare da ponte con una potenziale nuova stagione della serie, è spuntata una petizione su Change.org che chiede di cambiarlo. Un po’ sulla falsariga di quella dei fan di Game of Thrones che chiedevano addirittura di girare nuovamente l’intera stagione finale, ovviamente senza alcun risultato.

Il pubblico storico di Veronica Mars non ha gradito per niente la scelta di far morire Logan nell’ultimo episodio del revival, dopo il matrimonio con la protagonista e quando sembrava che ormai il caso dell’attentatore di Neptune fosse risolto. L’ultimo ordigno, invece, ha ucciso proprio l’amore della vita di Veronica: quest’ultima alla fine del revival, un anno dopo la morte di Logan, si ritrova a parlare con una psicologa della necessità di riprendere in mano la sua vita.

Questo è l’espediente narrativo con cui Thomas ha tenuto una porta aperta verso un’eventuale quinta stagione della serie, anche se Hulu non ne ha ancora annunciato il rinnovo: “Se non vedrete mai più un altro episodio di Veronica Mars perché i fan lo avranno odiato, allora ho perso la scommessa. Se riusciamo a fare di più e diventa una serie di detective di lunga durata da produrre ogni tanto, allora penso di aver vinto la scommessa” ha azzardato il produttore esecutivo della serie parlando di quel finale tragico. Secondo Thomas, la vita da donna sposata non si coniuga bene con quella da coraggiosa e sexy investigatrice privata, ha spiegato a The Hollywood Reporter.

La nostra speranza è che possiamo raccontare altri misteri di Veronica Mars e, se lo facciamo, vogliamo che sia uno spettacolo misterioso, Veronica Mars come una PI nel mondo, che risolve misteri. E farlo con un ragazzo o un marito mi è sembrato meno interessante, meno sexy, meno noir. Ed è stato difficile coinvolgere Logan in questo particolare mistero. Non volevo dover affrontare quella sfida ogni volta. Inoltre, stiamo facendo uno spettacolo noir, e la nostra detective noir e la sua felice vita domestica con il suo ragazzo o marito non suonavano bene in prospettiva. Adoro Jason Dohring. Adoro quello che ha fatto per lo spettacolo, ma per la futura esistenza di Veronica Mars come entità singola, ho la sensazione che debba andare avanti da sola.

La petizione del pubblico, che ha già raggiunto le prime 5000 firme in pochi giorni, protesta contro l’idea di fondo di questo finale, ovvero che una donna non possa avere un lavoro rischioso, impegnativo ed avventuroso e contemporaneamente avere una famiglia, o perlomeno una persona da amare. Il pubblico protesta contro l’idea che non ci siano altri modi per valorizzare l’indipendenza di un personaggio femminile se non quello di privarlo dell’amore. Perché in fondo anche questo è sessismo.

Portando via l’anima gemella di Veronica, la sua felicità, si manda il messaggio che una donna non può avere tutto“, si legge nella petizione online, che chiede di riportare in vita il personaggio di Jason Dohring perché “una quinta stagione non sarebbe lo stesso senza Logan, senza Logan e Veronica“. Tra i commenti lasciati dai firmatari, molti mettono in evidenza proprio la logica per cui una donna forte ed indipendente, con un lavoro tradizionalmente considerato maschile, debba necessariamente essere sola per rendere al meglio in campo professionale. In verità la scelta è stata fatta per dare più spazio alla creatività di Thomas – e per soddisfare alcuni stilemi del genere noir che vedono i protagonisti in situazioni ben lontane da un classico ménage familiare – visto che lo showrunner ritiene di poter creare situazioni più audaci, avventurose, misteriose e sexy con una protagonista vedova e sola rispetto ad una felicemente sposata.

Va detto che secondo Thomas e lo stesso Jason Dohring, che ha raccontato la sua difficoltà nel dire addio a Logan, il personaggio è irrimediabilmente morto. L’ultima parola, però, spetterà a Hulu: resta da capire se – in base al riscontro della stagione in streaming, i cui dati non sono stati divulgati – la piattaforma deciderà di rinnovare Veronica Mars fidandosi della linea narrativa di Thomas o imponendogli di cambiare quel finale per andare incontro alle richieste del pubblico (in che modo è difficile dirlo, visto che la morte di Logan è data per certa nell’ultimo episodio). Oppure, se deciderà di finirla qui con Veronica Mars e non rinnovarla affatto, rendendo vana la morte di Logan.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.