The Walking Dead 10 accoglie Virgil e si prepara per il suo prossimo decennio

Virgil è pronto per il suo debutto in The Walking Dead 10

68
CONDIVISIONI

Chi parlava di una cancellazione della serie si sbagliava e di grosso visto che ci stiamo preparano al debutto di The Walking Dead 10, il prossimo ottobre su AMC e Fox di Sky, ma produttori e sceneggiatori sono pronti ad andare avanti per un altro decennio. Sarà difficile trattenere i protagonisti della serie, soprattutto quelli storici, così a lungo ed è per questo che i fan dovranno prepararsi all’arrivo di nuovi personaggi, anche quelli mai visti e sentiti nei fumetti a cominciare da Virgil.

I primi scatti che lo mostrano circolano ormai dalla tarda serata di ieri e in molti si chiedono quale sarà il suo ruolo nella nuova stagione della serie. È stato rivelato che Kevin Carroll farà il suo debutto in The Walking Dead 10 nei panni di Virgil descritto come un uomo “altamente intelligente, pieno di risorse e disperatamente alla ricerca della famiglia”. Solo qualche giorno fa la produzione aveva mostrato il volto di Thora Birch nei panni di Gamma e presto si troverà a fare lo stesso anche con Dante, il personaggio annunciato allo scorso Comic-Con di San Diego.

Non è ancora chiaro quando Virgil farà il suo debutto nella serie ma, da quanto si evince dalle foto, sembra che il suo posto sarà proprio quella spiaggia che si è già mostrata nel promo. Questo basterà a far andare avanti la serie per altri dieci anni? Su questo non ha dubbi il CEO di AMC Josh Sapan che, in un’intervista a TheWrap, ha dichiarato: “La serie è nelle prime fasi della vita” e “ha molte opportunità di crescita”, c’è un piano per gestire l’universo “nel prossimo decennio e più”.

Con l’arrivo dei tre film dedicati a Rick Grimes con protagonista Andrew Lincoln e con uno spin off annunciato e che debutterà nel 2020, sembra proprio che il prossimo anno sia quello della svolta per l’universo di The Walking Dead.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.