Arrestata la stalker di Fiorella Mannoia dopo un agguato in casa, l’artista: “Non ho avuto scelta”

La stalker di Fiorella Mannoia è stata arrestata: arrivano le spiegazioni dell'artista

5
CONDIVISIONI

La stalker di Fiorella Mannoia è stata arrestata. Questo è quanto si è appreso nelle ultime ore in merito alla conclusione della vicenda che affligge l’artista romana da anni e sulla quale ha sempre mantenuto il più stretto riserbo.

Stando a quanto emerso dalle ultime notizie, la trentunenne fan e stalker di Fiorella Mannoia si sarebbe presentata a casa sua e avrebbe cercato di sfondare la porta con una panca dopo aver urlato e citofonato ripetutamente. L’artista è quindi stata costretta ad avvertire la Polizia che l’ha tratta in arresto.

Fiorella Mannoia è già intervenuta sui social per spiegare quanto accaduto, specificando di non aver avuto scelta. Queste le parole che ha condiviso con i suoi seguaci.

“È successo quello che non avrei mai voluto succedesse, ma la ragazza non mi ha dato scelta. Sono anni che cerco di arginare questa sua ossessione, non c’entrano i concerti, né i biglietti, eccetto il giorno in cui è venuta a casa mia cercando di buttare giù la porta, non me li aveva mai chiesti. La sua ossessione era entrare nella mia vita. Sono cose molto dolorose, che non avrei mai voluto rendere pubbliche, (e non sono stata io a farlo e non capisco come queste notizie siano uscite) perché derivano da un disturbo. Mi dispiace per lei, per me, per la sua famiglia e per la mia e per tutti quelli coinvolti in questa triste storia”.

Non è la prima volta che gli artisti si ritrovano a dover affrontare i comportamenti sopra le righe di alcuni fan che confondono la loro disponibilità con amicizia con diritto di entrare a far parte delle loro vite.

L’utilizzo dei social ha poi amplificato il problema, dal momento che la distanza tra il pubblico e gli artisti sembra essersi accorciata in maniera preoccupante, dando purtroppo sfogo a determinate forme di ossessione.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.