Il Silenzio dell’Acqua 2 ci sarà: Ambra Angiolini sul set a settembre per le nuove riprese

Il Silenzio dell'Acqua 2 ci sarà ma non subito, le novità su riprese e messa in onda

23
CONDIVISIONI

I fan ci hanno sperato e i primi indizi lo avevano confermato ma adesso non ci sono più dubbi: Il Silenzio dell’Acqua 2 si farà e presto il cast sarà sul set della fiction di Canale 5. Dopo il successo del primo capitolo non poteva essere altrimenti ma per la messa in onda ci sarà da aspettare un bel po’. La seconda stagione prenderà forma proprio dal 16 settembre prossimo quando le riprese inizieranno tra Duino e Muggia con Giorgio Pasotti e Ambra Angiolini sul set.

Ne Il Silenzio dell’Acqua 2 i due attori sono chiamati a vestire nuovamente i panni di Andrea Baldini e Luisa Ferrari nel fittizio paese di Castel Marciano e sarà solo allora che capire come è andata a finire tra i due e se i nuovi episodi ci regaleranno la passione che abbiamo già intravisto. La serie Mediaset prodotta in collaborazione con RTI e Velafilm andrà in onda non prima della primavera del 2020 o, ancora peggio, in autunno, ma le conferme ufficiali arriveranno solo con la fine delle riprese che dovrebbero mettere insieme 4 nuove puntate.

Sono tante le cose lasciate in sospeso dal finale della prima stagione e a quei misteri si aggiungerà un nuovo caso da risolvere e che rimetterà insieme Andrea Baldini e Luisa Ferrari tra futuro e passato. Toccherà proprio al personaggio interpretato da Ambra Angiolini fare i conti con i fantasmi che pensava di aver lasciato lontani rimanendo in paese.

Ma le novità non finiscono qui e, in attesa de Il Silenzio dell’Acqua 2, i fan possono consolarsi con la prossima uscita di un romanzo scritto da Andriano Barbone e che farà da anello di congiunzione tra la prima e la seconda stagione della serie. Cosa dovremo aspettarci dai nuovi episodi e da questo romanzo? Non rimane che attendere il mese di settembre quando le prime rivelazioni su trama e cast saranno finalmente note.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.