La salute globale nel video inedito di Pianeta Blu di Omar Pedrini, con immagini di Greta Thunberg

L'ex Timoria parla dell'unica guerra che valga la pena combattere

7
CONDIVISIONI

Pianeta Blu di Omar Pedrini è un brano originariamente incluso nel quarto album in studio Che Ci Vado A Fare A Londra? (2014) e rilanciato oggi, 26 luglio, con un video che sensibilizza sull’emergenza globale, un problema tornato alla ribalta nell’ultimo anno con lo sciopero per il clima invocato dall’attivista Greta Thunberg.

L’ex Timoria ha intrapreso la carriera solista dal 2002, immediatamente dopo la pubblicazione della raccolta Timoria Live e ha pubblicato il suo ultimo disco in studio, Come Se Non Ci Fosse Un Domani, nel 2017.

Pianeta Blu di Omar Pedrini è un brano tipicamente rock’n’roll, e nel video lanciato nelle ultime ore vediamo le immagini del live del rocker di Brescia – registrato il 19 aprile all’Hall di Padova – alternarsi a filmati che mostrano la macellazione degli animali, l’inquinamento, la vita sotto il mare, un comizio di Greta Thunberg, manifestazioni e inquietanti distese di plastica. Il testo è diviso in due parti: il “pianeta blu” era lo status di perfezione creato da Dio, ma da quando l’uomo ha cercato un altro tipo di perfezione tutto si è fatto grigio e in continuo appassimento.

Omar Pedrini ha presentato il video con queste parole:

Il guerriero ha deciso di dare un contributo alla sensibilizzazione verso le tematiche ambientali per la lotta contro l’unica guerra che vale la pena di combattere: quella dei cambiamenti climatici.

Il cantautore si definisce “zio rock d’Italia”, e insieme ai Timoria ha segnato un’importante epoca per il rock italiano degli anni ’90: album come Viaggio Senza Vento2020 SpeedBallEtaBeta registrati con Francesco Renga alla voce sono pietre miliari della musica italiana, ma è giusto dare la stessa importanza anche a El Topo Grand Hotel, registrato senza Renga e nel ruolo di voce e chitarra della formazione.

Con il nuovo video, Pedrini si tiene sul pezzo dei grandi temi del momento, e solamente nelle ultime ore è trapelata la notizia di una collaborazione dei 1975 con l’attivista Greta Thunberg.

Testo di Pianeta Blu di Omar Pedrini

Improvvisamente un giorno Dio decise che
l’universo fosse triste senza vita in sé
fu così che diede l’acqua e gli alberi
con un soffio, in un momento, gli uomini
ma tutto quel mondo era dentro le tenebre
quindi venne il sole che portò la luce con sé
e fu chiaro all’improvviso solo per noi
si era acceso un paradiso tutto per noi

E ora blu
su quel pianeta ci sei tu
sempre di più
che fai tu
sul mio pianeta?
Pianeta blu
pianeta blu
I love you

Incredibilmente il grigio vinse su tutto il blu
quelle luci in un momento non si accesero più
la natura era un sorriso solo per noi
apri gli occhi sono troppi gli errori tuoi

E ora blu
su quel pianeta
ci sei tu
sempre di più
che fai tu
sul mio pianeta
pianeta blu
pianeta blu,
I love you I love you.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.