John Travolta nel nuovo film diretto da Fred Durst dei Limp Bizkit (video)

Il cantante si trova per la terza volta dietro la macchina da presa

2
CONDIVISIONI

Quando non grida: “Get the f**k up” e non salta sul palco per esplodere il suo nu metal sui palchi di tutto il mondo, Fred Durst dei Limp Bizkit staziona dietro la macchina da presa. Durante la sua carriera come frontman di una delle band più influenti degli ultimi 20 anni, infatti, il cantante si è cimentato più volte nel cinema.

Quest’anno, il 30 agosto, uscirà nelle sale The Fanatic, un film diretto da Fred Durst con John Travolta nel ruolo di Moose, fan di un attore di nome Hunter Dunbar interpretato da Devon Sawa (CasperFinal DestinationNCIS Los Angeles). Nel film, Moose scopre da un fotografo l’indirizzo dell’abitazione di Dunbar e il desiderio di incontrare il suo idolo diventa una spirale discendente di follia.

Sulla sua esperienza con Fred Durst dei Limp Bizkit, l’attore di GreaseLa Febbre Del Sabato Sera ha raccontato:

Potrebbe essere la migliore esperienza che abbia avuto. Fred è stato tanto generoso. È un artista del genere e mi ha permesso di creare un personaggio che nessun altro sarebbe stato in grado di interpretare. Voglio dire: il mio personaggio è selvaggio, e mentre ci lavoravo mi sono sentito veramente libero.

Il rapporto di Fred Durst con il cinema è cominciato nel 2001 con un cameo nel film ZoolanderNella sit-com Revelations, nel 2005, ha interpretato il poliziotto Odgen e nel 2006 ha avuto un ruolo nel film 436 – La Profezia. Come regista, ha diretto il film The Education Of Charlie Banks nel 2007 e nel 2008 Una Squadra Molto Speciale nel quale recita anche il rapper Ice Cube. Nel 2008 ha interpretato un barista negli ultimi episodi della quarta stagione di Dr. House.

Fred Durst dei Limp Bizkit è stato regista anche di videoclip musicali: ha diretto, infatti, il video di Falling Away From Me dei KornIt’s Been Awhile Just Go degli Staind Blurry dei Puddle Of Mudd.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.