Si allontana il Samsung Galaxy Fold dall’Italia? Le ultime incoraggiano poco

Le cose non si mettono bene per l'arrivo prossimo del Samsung Galaxy Fold in Italia

Non è più previsto per l’Italia il Samsung Galaxy Fold? Il portale di informazione SamMobile non è portatore di buone notizie in tal senso. Dopo aver terminato i test conclusivi, lo smartphone pieghevole si avvicina alla fase di lancio, ma c’è un’anonalia che abbiamo ritenuto il caso di portare all’attenzione generale.

SamMobile è anche conosciuto per l’immenso archivio di firmware relativi ai prodotti del brand asiatico, da cui si evince che l’OEM stia iniziando a ridurre progressivamente la quantità di pacchetti regionali per cui si stavano svolgendo i test per il Samsung Galaxy Fold. Questo potrebbe voler significare che il numero dei Paesi cui si rivolgerà il device al day-one potrebbe non essere più lo stesso. Tra le destinazioni eliminate figurano anche l’Italia ed i Paesi Bassi, mentre piovono conferme per USA, UK, Francia, India e Germania. Possibile che il produttore sudcoreano abbia a disposizione un numero davvero esiguo di Samsung Galaxy Fold per il day-one, e che voglia lanciare le unità in magazzino per i mercati più forti, per poi estenderne la vendita anche agli altri.

Meglio chiarire fin da subito che quanto sopra riportato potrebbe anche non corrispondere alla realtà dei fatti, e che non è ancora stata chiarita la data di lancio del Samsung Galaxy Fold: non escludiamo che nel frattempo il colosso di Seul decida di smentire le indiscrezioni sopra riportate, e che il report non faccia poi fede a quelli che saranno le sue disposizioni. Al momento, sulla base di quanto raccolto, sembrerebbe proprio che il primo smartphone pieghevole del produttore sudcoreano non verrà lanciato al day-one in Italia, come anticipato dalla scomparsa del relativo firmware di test riservato al nostro Paese. Se avete domande non avete che da porcele attraverso il box dei commenti.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.