Foto reali del Huawei Mate 30 Lite: le sue forme non hanno più segreti

Senza veli il Huawei Mate 30 Lite: ecco il medio gamma esibirsi in una sequenza di foto reali

9
CONDIVISIONI

Si incendiano i rumors intorno al Huawei Mate 30 Lite, che, senza alcun timore, si mostra in alcune foto reali, a neanche una settimana dalla certificazione TENAA. Come riportato da ‘gsmarena.com‘, il dispositivo presenterà un foro nel display collocato in alto a sinistra, che conterrà la fotocamera frontale per i selfie. Il display si conferma essere un pannello da 6.26 pollici, ma ancora non sappiamo se utilizzerà la tecnologia LCD IPS o OLED (possibile si opterà per la prima, trattandosi di un dispositivo appartenente alla fascia media del mercato).

Il Huawei Mate 30 Lite sarà contraddistinto da una quadrupla fotocamera posteriore incastonata all’interno di un riquadro dedicato (che ricorda un po’ quello del Mate 20 Pro), composta da un sensore principale da 48MP, un grandangolo da 8MP, un sensore macro da 2MP ed uno relativo ai dati di profondità di campo da 2MP. Ci saranno anche l’autofocus ed il flash LED, ed il lettore di impronte digitali al di sotto. Il processore di riferimento del Huawei Mate 30 Lite dovrebbe corrispondere al Kirin 810, con 6/8GB di RAM e fino a 256GB di memoria interna (non sappiamo ancora se espandibile o meno).

La batteria disporrà di un’unità da 3900mAh, di 250mAh maggiorata rispetto al Mate 20 Lite. Il device si renderà disponibile localmente entro la fine di agosto, mentre il Huawei Mate 30 Lite potrebbe essere acquistabile in versione internazionale a partire da settembre, ad un prezzo speriamo abbordabile, che lo proietterebbe verso un successo di vendita che di certo non guasterebbe al produttore cinese, specie di questi tempi con ancora in ballo il ban USA da parte dell’amministrazione statunitense presidiata da Trump. Se avete bisogno di ulteriori chiarimenti a riguardo, non esitate a contattarci attraverso il box dei commenti che trovate in basso.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.