Rocco Hunt ci ripensa e annuncia il nuovo album: “Vi chiedo scusa se ho reagito in modo irrazionale”

Aveva annunciato di voler lasciare la musica ma ora ci ripensa e ringrazia tutti per il supporto

32
CONDIVISIONI

Solo qualche giorno fa aveva annunciato di voler lasciare la musica; è stato sommerso da messaggi di affetto giunti dai fan ma anche dai colleghi e dagli addetti ai lavori. Così, Rocco Hunt si fa forza e ci ripensa. La musica è il suo presente e il suo futuro, ora non ha più dubbi.

Torna sui social per ringraziare dell’affetto ricevuto e dei migliaia di commenti ricevuti in un momento di debolezza, in un momento che credeva di non poter superare. Ora il peggio è alle spalle e Rocco Hunt torna in forma ad annunciare importanti novità sul suo futuro discografico. Un album è in arrivo e l’artista svelerà i primi dettagli domani alle ore 14.00 via social.

“Sono stati i giorni piú lunghi e brutti della mia vita”, scrive Rocco Hunt che ringrazia la sua famiglia, il suo staff e “sopratutto tutti voi per il grande amore che mi avete dimostrato”.
A fare la differenza sono state “le frasi di incoraggiamento, le telefonate ed i messaggi mi hanno aiutato a sentirmi meglio, a capire quanto per voi la mia musica sia importante”.

Quello di qualche giorno fa va preso come uno sfogo da parte di un artista esausto, logorato dai tempi e dalle attese. Rocco Hunt ha lavorato al nuovo disco 3 anni e non vedeva l’ora di farlo ascoltare al pubblico. Qualche intoppo lungo il percorso ha messo a dura prova la sua resistenza. La situazione, in stallo da diverso tempo, si è sbloccata e domani pomeriggio il cantante annuncerà i primi dettagli sul disco.

“Questo mio sfogo, se pur impulsivo, ha fatto sì che si sbloccasse una situazione ormai ferma da troppo tempo. Sto parlando del mio nuovo album a cui ho dedicato 3 anni della mia vita, di cui volevano privarmi per l’ennesima volta. Voglio riprendermi la mia libertà, non posso mollare ora e non lo farò!”, continua. Poi si scusa per aver reagito in modo brusco, e forse irrazionale agli occhi di molti. Rocco Hunt ha avuto paura di perdere tutto per il capriccio di qualcuno e ha perso ogni speranza nel suo futuro… Ma solo per qualche giorno! I fan, i colleghi, la famiglia e gli amici gli hanno fatto capire che la musica è troppo importante per essere abbandonata. Aveva bisogno di sfogarsi e lo ha fatto. Ora può continuare a portare avanti il disco, fino al suo rilascio – che dovrebbe avvenire dopo l’estate.

“Vi chiedo scusa se ho reagito in modo irrazionale, ma qualcosa, forse la paura di perdere tutto ciò che abbiamo costruito insieme, ha prevalso su di me. Non sono riuscito a controllare questo mio istinto, questo desiderio di liberarmi del peso che portavo dentro. Lo sapete quanto per me la sincerità sia importante, ma forse questa volta lo sono stato fin troppo. Avevo bisogno di sfogarmi e non me ne pento, ora sapete cosa provo. Non avrei mai potuto abbandonare la musica, né tantomeno voi. A volte quando si è in difficoltà si scappa dalle cose che ci fanno stare bene, pensando che il problema sia quello, ma in realtà ci sbagliamo. A 24 anni puó succedere. Speravo che quel post mi avrebbe aiutato a riflettere e così è stato. Sono sicuro senza alcun dubbio che il mio percorso sia questo e voglio continuare a viverlo con voi. I miei concerti, le esibizioni e gli impegni previsti per questa estate saranno mantenuti e svolti regolarmente. Vengo dal niente e rinunciare al frutto dei miei sacrifici non potrei mai perdonarmelo. Per la mia terra e per il mio Sud che ha ancora bisogno di me. Per tutti i colleghi che mi hanno sostenuto e rincuorato. A breve avró un appuntamento molto importante e spero di tornare finalmente da voi con qualcosa di concreto e con tanta nuova musica”.

Il post scritto da Rocco Hunt su Instagram termina con una promessa: “Non voglio dargliela vinta!”
Invita tutti a stargli vicino in uno dei momenti cruciali della sua vita professionale e intanto annuncia novità per domani alle ore 14.00.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.