Tarantelle (Che Ne Sarà Di Me) di Clementino è un racconto rap sulla resilienza (video e testo)

Il rapper di Avellino ha portato il suo flow intimista in giro per l'Europa

Tarantelle (Che Ne Sarà Di Me) di Clementino è la title-track dell’album più intimista del rapper di Avellino, un diario personale nel quale l’artista ha voluto raccontare al pubblico il suo inferno tra le rime delle sue canzoni. Oggi, a sorpresa, Clementino ha lanciato il video ufficiale di Tarantelle, una raccolta di filmati registrati durante l’European Tour 2019.

Il rapper, con questo disco, ha voluto celebrare la ritrovata luce dopo il periodo più oscuro della sua vita e raccontare, dunque, la sua resilienza. Anticipato dai singoli GandhiUn Palmo Dal CieloHola Chi Vuole Essere Milionario?Tarantelle (Che Ne Sarà Di Me) di Clementino è la quiete dopo la tempesta tradotta nel flow un po’ dialettale e un po’ italiano.

L’European Tour 2019 è partito il 21 giugno da Amsterdam e si è concluso l’1 luglio a Valencia, passando per Parigi, Londra, Dublino, Lisbona, Madrid e Barcellona. Il video ufficiale mostra tutte le città toccate dal tour con la filigrana della geolocalizzazione, e possiamo vedere immagini di Clementino sul palco alternate a filmati della crew in viaggio, fino al saluto finale al termine dell’ultima data.

Il 13 dicembre, ancora, partirà da Padova il tour di Clementino nei club che si concluderà, per il momento, con una data a Napoli fissata per il 23 dicembre. Sul suo ultimo disco il rapper di Avellino si pronuncia con parole piene di affetto:

Quando alla fine degli anni ‘90 ho scritto la mia prima rima, non immaginavo tutto questo, ma sentivo qualcosa dentro di me che diceva “Clemè spakk tutt cos!”. E da quel giorno sono stato sempre un rapper, ogni giorno, per tanti anni, sono stato quello che volevo essere, e lo sono ancora. Si dice che ogni album per noi artisti è come un figlio.
Allora adesso va figlio mio, va tra la gente, e fai capire quante ne abbiamo passate, fai capire la verità, fai capire che cosa è il rap, perché in fondo il rap è solo e semplicemente una cosa… la verità.

Tarantelle (Che Ne Sarà Di Me) di Clementino si regge su una base pop, con una chitarra acustica che apre le danze per poi unirsi al beat elettronico, dando vita a una ballata rap nella quale le parole sono le vere protagoniste.

TESTO

Clementino a 3 anni
C’era una volta un falegname, diceva a Pinocchio
1, 2, 3

T’arricuord quand stev ‘a scola
Nu guaglion puntav int e suonn
Maradona vincev na copp
E mammà me ‘mparav e canzon
Rint ‘o stereo cu nu scarrafon, ca facev abballà na nazion
Po jucav abbasc ‘a nu porton
Ij ca stev miezz ‘a sti person
Nun vulev chella dimension, si po stev stritt rint ‘a stu rione
E parlav cu te, pcche tu me capiv e sapiv qual’er ‘o calor
Cimitile parev infinit
Nu futur ca nun è garantit
E vulev cagnà chesta vit, frà, mo nun ce crer ca c’agg riuscit
Le scuole medie, io le ho passate con la testa nella musica
Fratm resta l’unica
Uanm e quanti giudici, pronti a gridare: “Levati”
“Tu non mantieni un pubblico” non ascoltavo stupidi
Ma ci credevo ancora
Le scuole superiori, conosco l’improvvisazione, il rap arriva allora
Entro di prepotenza, facevo solo hardcore
Ribelle come uno studente dell’occupazione
Passano le stagioni e la televisione e nelle radio le canzoni che ho scritto col cuore
E sient ‘o fridd ‘nguoll, nu fridd ca nun può spiegà nemmen a chi sta attuorn
E cerchi una ragione
Ringrazio il cielo ancora
E tutti ‘sti guagliun, ca stann sott ‘o palco quand part ‘o flow campion
E dint ‘o specchio vec ‘a me, frà, quand ero creatur
Ca m’arricord ra ro veng e comm è stata dur

Iena
Quand vola ‘o tiemp e che sarà
Si s’arap ‘o cielo e sta città
Sul na parola val ancor
Son comm e note e na canzon
Fratm t’aspett semp ca
T’arricuord quann e primi pass
For ‘a chella scola e nu pallon
Vir comm so cagnat e cos
Tu dimmi che ne sarà di me?
Che ne sarà di me?
Che ne sarà di me?
(Pe guagliun ca stann ca)
Dimmi che ne sarà di me?
Che ne sarà di me?
Che ne sarà di me

Non scambiare il male con il bene, già sono caduto nel tranello
Un’icona sono per le strade, un’icona a scuola ero un monello
Quando al terzo anno non entravo, per aggiustare un altro ritornello
Adesso col diploma cosa faccio?
Ma col ritornello faccio un disco d’oro e platino e l’appendo
Com’è dura accettare la verità
Soldi che si bruciano come l’età
Taglio questo mare su una moto d’acqua
Dedicato a chi non ne ha mai abbastanza
E rialzarmi, cadere e rialzarmi, cadere e rialzarmi a profusione
E saper dominarli per tenere calmi
Sbagli nelle viscere del mio cuore
Una partita a briscola fuori a ‘sto bar
Ed io che non capisco com’è che si fa, a stare nei miei panni, ma mi piace tanto
Porto la mia famiglia in America e sai che vanto
E quanti nott semp senza suonn
A pensà, comm, frà, l’amma risolver?
‘O bene a tutt quant e frat mi, a chi fatic, a chi sta miezz a via
Chiamm ogni tant pe dicer: “Fratm, comm te va?”
Si cuntent pcche è na vittoria pure pe te si mo sto là

Iena
Quand vola ‘o tiemp e che sarà
Si s’arap ‘o cielo e sta città
Sul na parola val ancor
Son comm e note e na canzon
Fratm t’aspett semp ca
T’arricuord quann e primi pass
For ‘a chella scola e nu pallon
Vir comm so cagnat e cos
Tu dimmi che ne sarà di me?
Che ne sarà di me?
Che ne sarà di me?
(Pe guagliun ca stann ca)
Dimmi che ne sarà di me?
Che ne sarà di me?
Che ne sarà di me?

Cos’è questa?
Penna
E questo?
Libro

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.