Molteplici novità e avvistamenti in Italia per Samsung Galaxy S9: aggiornamento di luglio in uscita

Weekend di fuoco per lo smartphone 2018, secondo alcune segnalazioni raccolte in Italia stamane

16
CONDIVISIONI

Ci apprestiamo a vivere un weekend ricco di spunti interessanti per tutti coloro che sono in possesso di un Samsung Galaxy S9 o di un S9 Plus, in riferimento alla distribuzione dell’aggiornamento di luglio. Nella giornata di ieri vi ho anticipato alcuni tra i temi che avremo modo di toccare con mano nel momento in cui la patch in questione sarà disponibile per tutti via OTA, anche in riferimento a chi nell’ultimo anno e mezzo ha scelto prodotti brandizzati. Ebbene, quel momento pare essere già arrivato, in base ad alcune segnalazioni trapelate questo venerdì.

All’interno delle varie community di settore, infatti, alcuni possessori del Samsung Galaxy S9 Plus no brand ITA (tanto per cominciare) stanno ricevendo effettivamente la notifica per installare subito il pacchetto software. Il changelog trapelato conferma le indiscrezioni di 24 ore fa, con un duplice passo in avanti per l’utenza in questione che sicuramente farà molto piacere a tutti. Cerchiamo dunque di comprendere a cosa stiamo andando incontro.

Occhio soprattutto a quanto trapelato su AR Emoji, con avatar molto più giovani rispetto a quelli ai quali ci siamo abituati, senza dimenticare Call & Message Continuity. Per maggiori dettagli in merito vi invito nuovamente a consultare il pezzo di ieri, fermo restando che dubito si assista ad una rivoluzione per i due smartphone una volta portata a termine l’installazione del pacchetto software. Chiaramente, per maggiori dettagli dovremo attendere i primi riscontri da parte di coloro che avranno modo di testare il pacchetto software.

A voi è giunta la notifica per provare oggi stesso l’aggiornamento di luglio a bordo del Samsung Galaxy S9 e del Galaxy S9 Plus? Fateci sapere qui di seguito, così da raccogliere le prime testimonianze da parte del pubblico.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.