De Ligt Juve super colpo. Ragazzino basta a vincere Champions fallita da CR7?

Difesa vecchia, incognita Buffon, nuovi schemi di gioco con Sarri, campionato olandese poco allenante ai massimi livelli. De Ligt è certamente un fuoriclasse ma la Champions continua ad essere un incubo per la Juventus

153
CONDIVISIONI

La Juve ha una strategia chiara: acquistare l’autore dell’eliminazione dalla Champions precedente. Dopo Ronaldo tocca oggi all’olandese De Ligt. Il giocatore è forte, l’acquisto è importante, ma vincere la Champions è un’altra storia…. non bianconera

Con De Ligt la Juventus riprova l’assalto allo Champions. La società bianconera dopo aver fallito con Ronaldo, ci prova con De Ligt che con CR7 condivide il merito di aver eliminato la Juventus dai Quarti delle due precedenti edizioni di Champions .

Ronaldo annichilì la Juventus con una rovesciata acrobatica che fece scattare la standing ovation dello Stadium. De Ligt ha affondato il colpo mortale nel match di ritorno qualche mese orsono. Evidentemente la prima preoccupazione di Andrea Agnelli è quella di sottrarre agli avversari gli elementi potenzialmente più pericolosi come ad esempio è successo in Italia con l’acquisto di Higuain dal Napoli o di Pjanic dalla Roma.

Questa strategia in Italia ha dato frutti eccellenti. La Juventus domina da otto anni il campionato ed anche in questa stagione appare decisamente in pole position rispetto alle altre contendenti: Napoli ed Inter su tutte.

In Europa però questo non è bastato fino ad oggi per sconfiggere la maledizione bianconera che incombe sulla Champions League. Potrà mai riuscire il giovane e promettente De Ligt laddove ha fallito il pluripallone d’oro Cristiano Ronaldo?

Sarà il campo a sciogliere l’interessante quesito tecnico. Che De Ligt sia un fuoriclasse non c’è dubbio. Ma finora si è cimentato in un campionato come quello olandese dove il livello tecnico, fatte salve poche formazioni, è mediocre. La vecchia guardia difensiva bianconera, compreso il rientrante Buffon, è sempre gloriosa ma deve fare i conti con l’anagrafe. L’arrivo di un nuovo allenatore come Sarri impone anche un cambio di paradigma tattico.

Insomma De Ligt si troverà a fronteggiare una serie d’incognite che in una competizione crudele come la Champions possono risultare fatali. Lo stesso De Ligt se ne accorto a proprio spese perdendo la qualificazione alla finalissima negli ultimi secondi della semifinale.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.