Vasco Rossi dal Sindaco di Zocca: “Perché hai chiamato l’esercito?”

Vasco Rossi dal Sindaco di Zocca per chiedere informazioni sul recente coinvolgimento della Questura e della Prefettura.

212
CONDIVISIONI

Vasco Rossi dal Sindaco di Zocca per ricevere informazioni sulle condizioni di sicurezza. Dopo le voci degli ultimi giorni, il rocker emiliano ha voluto accertarsi di quanto stesse accadendo a causa della presenza massiccia dei suoi fan, accorsi sul posto dopo il suo arrivo a casa.

“Son venuto qui dal sindaco di Zocca perché ho letto sui giornali che hai chiamato l’esercito: allora cos’è successo?”

A domanda è arrivata risposta di Gianfranco Tanari, Sindaco di Zocca ma anche amico di Vasco Rossi che da settimane è tornato a casa per trascorrere qualche giorno in relax.

“Le solite esagerazioni: io ho fatto un lettera come faccio tutti gli anni e tutte le volte che vieni da noi in paese per comunicare al prefetto e al questore che tu sei qua. Niente di che, noi siamo felicissimi che tu sia arrivato, e che siano arrivati i fans che non vediamo l’ora di accogliere. Perché quando arrivano, fanno tanta festa e bello il paese. Di conseguenza siamo tutti contenti”.

Il Prefetto Maria Patrizia Paba ha accolto la richiesta del Sindaco di Zocca, che ha voluto mettere in sicurezza la zona dopo l’arrivo di un cospicuo numero di fan del Blasco che hanno occupato la zona dopo la conclusione del tour negli stadi che ha condotto tra Cagliari e Milano con 6 date allo Stadio San Siro.

“Ho letto l’appello del sindaco Gianfranco Tanari sui giornali e con la massima serenità e l’abituale senso di collaborazione, l’ho subito raccolto e ci siamo incontrati, presente anche l’entourage del cantante che ha assicurato la massima partecipazione e disponibilità, e abbiamo riportato la situazione alle sue reali dimensioni”.

In questi mesi, Vasco Rossi si sta godendo un periodo di relax prima del rilascio del nuovo singolo che potrebbe arrivare già in autunno, a un anno dalla pubblicazione di La Verità.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.