Richiesta un’indagine su Ricarica+ di TIM: cosa farà l’Antitrust?

L'Unione Nazionale Consumatori vuole vederci chiaro sulla Ricarica+ di TIM: richiesta un'indagine all'Antitrust

13
CONDIVISIONI

Non è passata inosservata l’iniziativa Ricarica+ di TIM, di cui vi avevamo già parlato in questo articolo relativamente alla possibilità di ottenerer rimborsi per i tagli da 5 e 10 euro. Alcuni utenti non la vedono di buon occhio, come pure l’UNC, ovvero l’Unione Nazionale Consumatori, che, secondo quanto riferito da ‘mondomobileweb.it‘, avrebbe chiesto di indagare all’Antitrust. Il gestore blu ha aggiunto di tagli di Ricarica+ da 5 e 10 euro, con 4 e 9 euro di credito: sebbene sia inclusi minuti e traffico dati, oltre che l’opportunità di prendere parti ad alcuni concorsi, la questione sembra essere molto vicina ai costi che le ricariche telefoniche hanno avuto fino a qualche anno fa.

Pensate che Ricarica+ di TIM ha sostituito le ricariche classiche in alcune postazioni (pure presso alcuni rivenditori fisici, in qualche caso). Il taglio da 5 euro lo si trova da marzo scorso presso tutti i canali di distribuzione, mentre quello da 10 euro nei punti vendita TIM, o a ridosso di bar, tabaccai ed edicole abilitate. I tagli tradizionali, invece, sono disponibili sul sito oppure attraverso l’app MyTIM. Per l’UNC la questione non è tanto da ricercare nel discorso più ampio della scarsa trasparenza, in quanto più che altro lesiva nei confronti stessi degli utenti (erano 12 anni, da che furono aboliti i costi di ricarica, che non si assisteva ad episodi del genere).

Un qualcosa che Massimo Dona, Presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, che, se confermata, sarebbe una vera ‘indecenza’, motivo per cui la situazione è stata denunciata all’Antitrust, così da fare chiarezza su tutta la vicenda. Staremo a vedere come evolverà, e soprattutto che decisione prenderà a riguardo il il complesso giuridico a tutela del principio di concorrenza nei vari mercati economici. Voi come giudicate la questione? Lasciateci un commento all’articolo e fatecelo sapere.

Commenti (3):

Charletti

Penso che molti, come me, cambieranno gestire telefonico alla scadenza dell’ultima ricarica. Un GIUSTO autogol per Tim!

giamar10

La Tim si permette di non rispettare le conciliazioni del Corecom, al confronto questo che dite è una bazzecola

RickyT

È una cosa vergognosa , fa bene L Unione consumatori attraverso il ricordo al antitrust a proteggere i clienti

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.