Samsung Galaxy S10 richiede PIN e si riavvia? L’ultimo bug

Anomalia molto seria per il device top di gamma, ma il produttore è comunque al lavoro per risolvere

6
CONDIVISIONI

Un fastidiosissimo bug sta interessando i possessori dei Samsung Galaxy S10 e S10 Plus. L’attuale top di gamma, dopo un recente aggiornamento, sembrerebbe quasi impazzito perché protagonista di comportamenti anomali come la richiesta continua di un PIN di accesso, anche quando l’utente non ha previsto alcun codice di accesso per il suo device.

Chi è interessato dall’attuale errore che colpisce i Samsung Galaxy S10? In effetti, i casi più conclamati e diffusi dell’anomalia sembrerebbero riguardare i possessori del device statunitensi ma anche di altri parti del mondo ma non ancora gli utenti italiani. Responsabile del bug sarebbe un ultimo aggiornamento con patch di sicurezza del corrente mese ma per il momento non siamo in grado di identificare il firmware esatto di riferimento, perché non comunicato da alcuna fonte attendibile.

Cosa succede ai Samsung Galaxy S10 andando più nello specifico? Anche nel caso in cui un utente non abbia impostato un codice PIN per la messa in sicurezza del suo telefono, quest’ultimo non fa altro che richiederlo. In alcuni casi, il mancato inserimento del valore porta a dei riavvii improvvisi e nuovamente alla stessa richiesta alla riaccensione.

Nei casi di anomalie più serrate per i possessori di Samsung Galaxy S10, il bug ha comportato anche la necessità di effettuare un reset alle condizioni di fabbrica. L’operazione sembra aver funzionato per i più ma anche con qualche grave perdita. Prima del ripristino e con telefono bloccato dal continuo avviso di inserimento del PIN, in molti non sono riusciti a fare un backup preventivo dei loro dati che dunque sono andati completamente persi.

Secondo la fonte ZDNet, Samsung sarebbe al corrente del problema e pure al lavoro per superare la fastidiosa anomalia. Non mancheremo di riportare nuovi riscontri relativi al bug, se disponibili.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.