Cyberpunk 2077 e l’etica, non tutto sarà possibile nel gioco di CD Projekt RED

Non tutte le azioni, soprattutto quelle più violente, saranno possibili all'interno del nuovo gioco del team di sviluppo polacco.

1
CONDIVISIONI

L’E3 2019 è ormai stato archiviato da quasi un mese, ma i protagonisti del calibro di Cyberpunk 2077 non smettono di certo di far parlare di sé. Il titolo di CD Projekt RED ha senza ombra di dubbio sfruttato appieno le possibilità messe a disposizione dalla fiera losangelina, calamitando le attenzioni di una foltissima schiera di videogiocatori di tutto il mondo. Un titolo dalle infinite possibilità tutte da scoprire una volta che sarà reso disponibile durante la primavera del prossimo anno.

Di tempo quindi per saggiare con mano la bontà videoludica di Cyberpunk 2077 ce ne sarà chiaramente a sufficienza nel prossimo futuro, ma a stuzzicare la community ci pensano ovviamente gli addetti ai lavori, che non perdono occasione per condividere parte delle loro fatiche con i fan.

Le ultime ore sono state infatti foriere di interessanti dettagli inerenti l’etica di Cyberpunk 2077: a limitare la cattiveria gratuita dei giocatori ci pensano gli stessi CD Projekt RED, ponendo dei paletti invalicabili.

Stando infatti a quanto riportato da Gamerant, pare infatti che nel prossimo gioco del team di sviluppo polacco non si potrà infierire fisicamente sui bambini. Una scelta ben definita e che in sostanza va contro il mantra effettivo del gioco, che permette invece di usare atteggiamenti violenti con la stragrande maggioranza dei personaggi che si paleserà sullo schermo.

Evidentemente non hanno alcuna intenzione di attirarsi gratuitamente contro le ire dei videogiocatori perbenisti i ragazzi reduci dal successo dilagante di The Witcher 3, che cercano quindi di mantenere Cyberpunk 2077 in una sorta di “safe zone”: meglio evitarsi odi gratuiti e costruire il successo su basi solide, sebbene non sia da escludere la possibilità che qualche utente confezioni mod ad hoc per bypassare il “blocco”.

Ricordiamo che il gioco sarà disponibile a partire dal 16 aprile 2020 su PS4, Xbox One e PC.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.