10 serie TV poliziesche da non perdere se ami il genere crime: da NCIS a Castle e Sherlock

Amanti dei casi d'omicidio e dei serial killer più pericolosi ma affascinanti? Per voi una lista delle 10 serie TV poliziesche che non dovete perdere

74
CONDIVISIONI

Amanti dei delitti e crimini più efferati? Vi piace seguire le indagini di polizia tra osservazioni, deduzioni e rivelazioni shock? Se fate il tifo per i buoni ma non potete fare a meno di lasciarvi affascinare dal conturbante assassino seriale di turno, queste serie TV poliziesche fanno al caso vostro. Ne abbiamo elencate 10 da non perdere se amate il genere crime: che la caccia al serial killer sia aperta.

NCIS

Il classico per eccellenza: in onda da sedici anni, NCIS non ha mai perso un colpo. La serie, nata come spinoff di JAG, vanta un numero eccezionale di ascolti, ed è perciò lo show più visto al mondo. L’acronimo NCIS sta per Naval Criminal Investigative Service, divisione del Dipartimento della Marina Militare statunitense che si occupa di reati che vedono coinvolti membri o persone legate al corpo della Marina americana. Al centro delle vicende vi è una squadra NCIS affiatata, guidata dal burbero ma carismatico Leroy Jethro Gibbs, che con il suo spirito riesce a stimolare i suoi agenti speciali a dare il meglio nei casi più complessi d’omicidio e non solo. Visto il successo di NCIS, sono stati creati due spinoff, NCIS Los Angeles e NCIS New Orleans.

Criminal Minds

I peggiori serial killer del mondo si trovano senza dubbio in America. Questo è il concetto di base a Criminal Minds, una delle serie TV poliziesche più amate al mondo. La serie, composta da quindici stagioni, segue le indagini di un gruppo di profilers dell’FBI chiamati da tutto il Paese per redigere profili di serial killer e contribuire al loro arresto. Gli episodi seguono di pari passo le indagini dei protagonisti, mentre la serie sviscera anche nelle loro vite personali che, in un modo o nell’altro, finiscono per influire anche sul lavoro.

I Soprano

In televisione, si parla sempre di un primo e dopo I Soprano. La serie TV, creata nel 1999 dal geniale David Chase, descrive la vita di Tony Soprano, boss della mafia italoamericana del New Jersey. Soggetto ad attacchi di panico a causa dei suoi problemi con la moglie Carmela e la famiglia, Tony spesso viene visto sul lettino della sua psicoanalista alla quale racconta tutti i suoi turbamenti. Trasmesso in un’epoca televisiva difficile, I Soprano hanno infranto dei tabù televisivi come mai prima d’ora con un realismo d’immagini e una crudezza di linguaggio. Le tematiche legate all’adulterio, alla violenza, al sesso, profanano i luoghi comuni del piccolo schermo.

Bones

Liberamente ispirata alle avventure di Temperance Brennan, omonimo personaggio letterario protagonista dei romanzi dell’antropologa forense Kathy Reichs, Bones segue le lunghe vicende della protagonista interpretata da Emily Deschanel dal 2005 al 2017. Grazie alla sua bravura e competenza nell’analisi di resti umani, Brennan collabora con l’agente Seeley Booth dell’FBI alla risoluzione di complicati casi di omicidio. Tema ricorrente di Bones è il rapporto professionale e personale tra i due protagonisti, che spesso sfocia nel romanticismo.

Castle

Lei è armata, lui è pericoloso: questa è la tagline iniziale di Castle, una delle serie TV poliziesche più amate degli ultimi anni. Pur presentando casi della settimana poco complessi e abbastanza lineari, la forza dello show sta nei suoi protagonisti: lo scrittore di gialli Rick Castle e la detective Kate Beckett, rispettivamente interpretati da Nathan Fillion e Stana Katic. Insieme sono una miscela esplosiva; si punzecchiano, sono attratti l’uno dall’altra, ma dietro la rigidità di Beckett si nasconde un passato traumatico, per cui ancora sta cercando la verità. Inizialmente Castle la segue perché vede in lei la musa dei suoi prossimi romanzi; poi se ne innamora.

The Mentalist

Armato di una deduzione pari a Sherlock Holmes e di un’insolenza e arguzia come il Tenente Colombo, Patrick Jane è il protagonista di The Mentalist, una delle serie TV poliziesche più apprezzate degli ultimi anni. Lavorando come consulente per il CBI (il California Bureau of Investigation), sfrutta le sue doti per aiutare la squadra capitanata dall’agente Teresa Lisbon. In realtà, Jane spera di scoprire, indagine dopo indagine, la vera identità del serial killer chiamato Red John, che anni prima gli ha ucciso la famiglia a causa della sua spavalderia nello sfruttare la sua dote. In apparenza sereno e spensierato, per colpa di Red John emergerà il suo lato più oscuro.

Sherlock

Negli anni sono stati sviluppati molteplici adattamenti televisivi e cinematografici di Sherlock Holmes, personaggio letterario creato da Arthur Conan Doyle. Tra i più interessanti si annovera la versione di Steven Moffat e Mark Gatiss. La serie TV Sherlock, targata BBC, rivista in chiave moderna le vicende del brillante detective e del suo fidato amico, il dottor John Watson, interpretati rispettivamente da Benedict Cumberbatch e Martin Freeman. Una serie da non perdere soprattutto per la bravura dei protagonisti.

Hannibal

Basata sulla serie di romanzi di Thomas Harris, Hannibal è stata sviluppata dal visionario Bryan Fuller e segue il rapporto tra Will Graham, profiler dell’FBI, e lo psichiatra criminale Hannibal Lecter. Will è dotato di una profonda empatia che col passar del tempo lo porta a confondere la realtà con l’immaginazione. Per questo, l’FBI lo affianca al dottor Lecter, non sapendo che dietro di lui si nasconde una mente più contorta e malsana. Due menti illustri che spesso si scontrano/incontrano, dando inizio a un gioco pericoloso. Hannibal ha uno stile unico, fatto di sequenze oniriche dal forte impatto psichedelico. A contornare la narrazione, una regia cinematografica che arricchisce la profondità psicologica.

True Detective

True Detective, capolavoro visivo di Nic Pizzolatto, è una serie antologica dove in ogni stagione vi sono trama e personaggi diversi. Una delle serie TV poliziesche da non perdere per la sua costruzione visiva e narrativa; spesso segue diverse linee temporali che si intersecano tra loro, fino alla risoluzione del drammatico giallo. Il caso del serial killer, però, passa in secondo piano rispetto ai protagonisti, in lotta con loro stessi e i demoni interiori.

The Wire

Più che una serie TV, The Wire è un racconto crudo e realistico della società americana nel suo rapporto con il crimine legato al traffico della droga. C’è di tutto, i legami con la povertà, il commercio della droga, la fine della classe operaia. La caratteristica principale di The Wire è che non ci sono i classici casi della settimana, ma un unico arco narrativo in ogni stagione. La serie è in apparenza un poliziesco, perché in realtà analizza lo stile di vita dell’America post 11 settembre.

Dexter

Infine, concludiamo con una delle personalità criminali più controverse e affascinanti della televisione. Dexter Morgan, è un tranquillo tecnico della polizia scientifica di Miami. Dietro il suo lato “buono”, si nasconde un feroce e spietato serial killer, che però agisce seguendo un proprio rigoroso codice: uccidere soltanto criminali che sono sfuggiti alla giustizia. La prima stagione di Dexter è basata sul romanzo La mano sinistra di Dio di Jeff Lindsay.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.