Migliori cuffie bluetooth e guida all’acquisto 2019

Proviamo ad orientare al meglio le nostre scelte oggi 11 luglio in un mercato non così conosciuto

2
CONDIVISIONI

La scelta delle migliori cuffie bluetooth per il nostro caso potrebbe rivelarsi più complessa del previsto. Spesso, infatti, gli utenti meno esperti del settore tendono a semplificare questi prodotti, ritenendo che ci siano pochissime variabili in grado di incidere e di fare la differenza tra un prodotto e l’altro. Come si potrà notare dal nostro approfondimento odierno, le cose non stanno esattamente così. Ci sono importanti distinzioni estetiche da prendere in esame. Vedere per credere credere quelle “on-ear”, che si appoggiano sulle orecchie e risultano particolarmente leggere, o quelle “over-ear”, in grado di avvolgere le nostre orecchie e, pur essendo più pesanti, con il grande pregio di isolarci al meglio dal rumore esterno.

Importanti anche le distinzioni “tecnologiche” nel momento in cui vi trovate a scegliere tra le migliori cuffie bluetooth. Fondamentale la generazione di Bluetooth supportata dal prodotto, in quanto più è recente questo valore, minori saranno i problemi di compatibilità a lungo termine con altri device. Questo senza dimenticare la questione dei consumi energetici. Meno pesante la questione del raggio d’azione in quanto buona parte dei prodotti in circolazione si assesta attorno ai dieci metri rispetto alla fonte del suono. Occhio anche alla questione del supporto delle app, in quanto alcune cuffie consentono agli utenti di gestirle tramite apposite applicazioni. Potrete dunque gestire le loro impostazioni in modo più approfondito rispetto a quanto avvenuto in questi anni.

L’ultimo aspetto da prendere in esame, a conti fatti quello più importante, si concentra sulla qualità del suono. Sotto questo punto di vista, dovrete prestare attenzione all’impedenza (si misura in Ohm), dagli addetti ai lavori definita come resistenza che le cuffie esercitano sul segnale audio. Ed è importante che tale valore sia alto. Occhio anche ai driver, che convertono il segnale elettrico in onde sonore. Più driver determinato una qualità superiore dell’audio.

Occhio a Bang & Olufsen BeoPlay H4

Bang & Olufsen Beoplay H4

Uno dei prodotti più interessanti da prendere in considerazione in questo particolare momento storico, in riferimento alle migliori cuffie bluetooth, è senza ombra di dubbio Bang & Olufsen BeoPlay H4. Ho avuto modo di toccarle mano e di testarle per un breve periodo. Oltre alla qualità del suo assicurata, decisamente di prima fascia, credo sia giusto mettere in evidenza la scelta dei materiali da parte del produttore. Oltre alla pelle, infatti, abbiamo un mix di alluminio e acciaio che fa la differenza che a conti fatti le rende indistruttibili. Soprattutto agli occhi di un utente distratto come il sottoscritto.

Non ho ancora avuto la possibilità di provarle al punto da avere certezze sul discorso autonomia, ma diversi utenti online parlano di limiti fissati a poco meno di 20 ore. Considerando la qualità dell’audio, siamo al cospetto di un ottimo compromesso che potrebbe fare la differenza per chi ha esigenze di un certo tipo in questo particolare frangente. Certo, Bang & Olufsen BeoPlay H4 rappresenta un prodotto ideale per chi non ha grossi limiti di budget, se pensiamo che ad oggi il suo prezzo sia appena inferiore ai 260 euro, ma il rapporto tra qualità e costo finale è più che equilibrato.

Più economica la soluzione Plantronics BackBeat PRO 2

Plantronics BackBeat PRO 2

Nel caso in cui doveste disporre di un budget più basso, potrebbe fare al caso vostro la soluzione rappresentata da Plantronics BackBeat PRO 2. Ve lo dico subito, non avremo a nostra disposizione il top dell’estetica, almeno stando agli standard di questo mercato a luglio 2019. Lo stile non è per nulla moderno, anche se potrebbe attirare l’attenzione di chi è rimasto un pochino indietro con l’occhio. Allo stesso tempo si tratta di un prodotto un pochino più pesante rispetto alle medie del mercato e della sua fascia di prezzo.

Tuttavia, con una spesa di circa 170 euro difficilmente riuscirete ad acquistare un prodotto migliore. A bilanciare le osservazioni condivise fino a questo momento, infatti, troviamo una qualità del suono senza eguali per questo segmento. La scheda tecnica, al dì là di qualche disagio che potrete percepire per i motivi precedentemente esposti, verte su un bilanciamento tra le varie componenti di Plantronics BackBeat PRO 2 che sicuramente attirerà il vostro interesse. Se intendete procedere su Amazon, oggi 11 luglio avrete la possibilità di portare a termine la transazione a poco meno di 160 euro. Ovviamente, fino ad esaurimento scorte.

La migliore soluzione con una spesa di 100 euro

Cowin SE7

Altra soluzione da prendere in esame per chi è alla ricerca delle migliori cuffie bluetooth in circolazione, poi, è data dalle Cowin SE7. Dando uno sguardo in giornata su Amazon, infatti, ho notato che il prezzo è stabile attorno a 100 euro. Che dire, con un budget simile potrebbe assicurarvi la migliore alternativa possibile, se bilanciamo le principali caratteristiche del prodotto con il costo di cuffie alternative che appartengono al medesimo segmento di mercato.

Il punto di forza delle Cowin SE7 consiste nella capacità di regalarvi un’esperienza di ascolto davvero interessante, alla luce della totale cancellazione dei rumori circostanti. Chiaro che non potremo avvicinarci ai livelli qualitativi dei prodotti che ho citato in precedenza, se pensiamo che le migliori cuffie wireless arrivino a costare anche più del doppio, ma l’occasione qui riportata è davvero interessante per chi non vuole svenarsi. Ancora, autonomia di 30 ore e driver con diametro di 40 mm, senza dimenticare la risposta in frequenza da 2Hz a 20.000Hz, come chiaramente indicato nella sua scheda tecnica.

Le migliori cuffie bluetooth con spesa minima

Tribit XFree Tune

Coloro che vogliono farsi carico di una spesa minima acquistato delle cuffie bluetooth ovviamente non potranno avere grandi pretese dal punto di vista qualitativo. Tuttavia, anche con un esborso attorno ai 50 euro vi potrete assicurare delle soluzioni interessanti per fare la differenza. Basti pensare alle Tribit Free Tune, prodotto cinese dal rapporto tra qualità e prezzo che per forza di cose attira l’attenzione anche di diversi utenti italiani.

Il punto di forza sicuramente non ci è dato dalla loro estetica, ma allo stesso tempo il fatto di contare su una tra le migliori cuffie bluetooth economiche, con ben 40 ore di autonomia e dall’apprezzabile risultato finale in termini di audio “puro”, non può certo lasciarci indifferenti. Come avrete notato da alcuni presupposti citati ad inizio articolo, anche il supporto alla generazione bluetooth (4.1 in questo caso) ha un certo peso.

Valutate dunque in modo consapevole le migliori cuffie bluetooth, considerando non solo il prezzo, ma anche altre variabili che vi potrebbero orientare verso un segmento rispetto all’altro. Avete suggerimenti su eventuali aggiunte? Indicate tutto nell’area commenti qui di seguito.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.