Il successo estero di Soldi di Mahmood da Israele alla Grecia

Soldi si fa notare anche all'estero e porta Mahmood ai vertici delle classifiche

Soldi porta Mahmood all’estero, non solo per la partecipazione all’Eurovision Song Contest. Quando ormai il Festival di Sanremo è un capitolo archiviato con il trionfo della canzone di Mahmood, l’artista varca i confini nazionali per ben piazzarsi in classifica.

La partecipazione all’ESC, in Israele, gli ha consentito di farsi conoscere anche all’estero e proprio l’Israele è uno degli stati che dimostra in continuazione di apprezzare la musica di Mahmood, Soldi in modo particolare.

L’esperienza a Tel Aviv, chiusa al secondo posto – dopo il trionfo al Festival di Sanremo 2019 – lo ha portato qui vertici della classifica radio dell’esercito israeliano Galgalatz. Un risultato degno di nota in Israele in quanto è proprio questa l’emittente radiofonica che sancisce il successo di un brano su un altro. Il grande spessore della classifica, infatti, rimarca ed annuncia il trionfo di un cantautore e del suo nuovo singolo, e questa volta il primato è toccato a Mahmood, primo da quattro settimane.

Il magazine Haaretz riporta che dopo l’Eurovision Song Contest di Tel Aviv, Soldi è diventata una vera hit in Israele e chissà che questo non apra a Mahmood nuove possibilità per live anche all’estero. L’Israele potrebbe non essere il solo Paese ospitante. In Grecia Soldi è disco di platino e Mahmood ha guadagnato la presenza su Vogue con articolo.

“La si sente ovunque, anche nei negozi e alle feste” si legge su Haaretz e mentre l’Army Radio’s Galgalatz la premia, Soldi è già un successo reale che varca i confini italiani in pieno tour di Mahmood.

Classificata tra le hit più importanti dell’anno sia in Italia che all’estero, Soldi ha un verso in arabo e forse proprio quello è stato il punto di forza in Israele: “Parla agli israeliani, come se fosse un appello alle nuove generazioni”, si legge sul giornale.

Di seguito ripassiamo il video ufficiale!

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.