Esiti esame avvocato 2018/2019 di Napoli: info elenco ammessi, ufficio, sottocommissione ed orale

Per nulla confortanti gli esiti esame avvocato 2018/2019 di Napoli: i risultati degli scritti non sorridono ai candidati

105
CONDIVISIONI

Gli esiti esame avvocato 2018/2019 di Napoli sono stati disastrosi: appena il 39.70% dei candidati è riuscito a passare le prove scritte, svoltesi lo scorso dicembre, accedendo a quelle orali. Fermo restando che gli elaborati sono stati corretti a Milano (tant’è che i più maliziosi hanno perfino parlato di un presunto atteggiamento discriminatorio da parte dei colleghi lombardi, cosa che sentiamo di escludere a priori), il momento della verità è finalmente arrivato: solo un aspirante avvocato su tre è risultato ammesso, come ciascuno avrà potuto verificare dalla propria area riservata sul sito della Corte d’Appello (dove, all’interno della sezione ‘Modulistica‘, come ogni anno verrà pubblicato a breve l’elenco degli ammessi alla prova orale). La tendenza rispetto agli scorsi anni, quando pure le cose non sembravano decollare, è leggermente migliorato, sebbene non si possa parlare di risultati confortanti: più del 60% dei candidati non ha superato gli scritti (tenutisi nelle giornate dell’11, 12 e 13 dicembre 2018 presso la Corte di Appello di Napoli), non potendo quindi prendere parte all’orale per conseguire quest’anno l’aspirato titolo.

Sono stati circa 2.200 i bocciati secondo gli esiti esame avvocato 2018/2019 di Napoli, a fronte dei 3.600 partecipanti iniziali: i risultati si sono rivelati tutt’altro che positivi. A quanti gli esiti esame avvocato 2018/2019 di Napoli hanno sorriso non resta che prepararsi per la prova orale, che si suddividerà in tre passaggi: un piccolo recap circa gli elaborati relativi alle prove scritte (che sono state anch’esse articolate in tre fasi, come di certo ricorderete), colloquio con la Commissione circa gli insegnamenti scelti dall’aspirante avvocato (tra questi diritto civile, costituzionale, commerciale, penale, amministrativo, del lavoro, ecclesiastico, internazionale privato e comunitario), discorso relativo ad una tematica di deontologia forense.

Fermo restando che la lettera estratta per le prove orali è la ‘E’ (sempre per i candidati partenopei con esiti positivi all’esame avvocato 2018/2019 di Napoli), come disposto dal Ministero della Giustizia lo scorso 13 novembre, vi ricordiamo che i membri della Commissione centrale (presieduta da Giacomo Marchitelli dell’Ordine di Matera) sono 12, tutti avvocati cassazionisti di provenienza disparata da ogni parte d’Italia. Le sottocommissioni sono 27 di numero, ciascuna designata presso le Corti d’Appello dei capoluoghi regionali (gli avvocati facenti parte delle sottocommissioni regionali sono iscritti all’albo speciale dei cassazionisti). Per consultare l’elenco completo dei membri della Commissione centrale e delle varie sottocommissioni esaminatrici, dovrete atterrare sul sito ‘www.giustizia.it‘ (quello ufficiale del Ministero della Giustizia, ndr.), e seguire il percorso ‘Strumenti > Decreti, circolari, direttive, provvedimenti e note‘, ed individuare da lì la voce ‘Decreto del 13 novembre 2018 – Commissione centrale e sottocommissioni-esame avvocati 2018‘ (da cui poi poter consultare i nomi di tutti i membri).

Se, per via degli esiti esame avvocato 2018/2019 di Napoli vi state chiedendo dove sia e come contattare l’ufficio esame avvocato Napoli, vi facciamo presente che è tutto scritto sul sito della relativa Corte di Appello, sita in Castelcapuano (Piazza E. De Nicola, 80143 Napoli), al piano ammezzato. Il nostro in bocca al lupo va agli ammessi all’esame orale, esortando i non ammessi a riprovarci il prossimo anno (tutto fa esperienza, anche e soprattutto una bocciatura, a patto non diventi un’abitudine).

Per restare sempre aggiornato, aggiungi ai tuoi contatti su smartphone il numero 3770203990 e invia un messaggio WhatsApp con testo “NEWS”. Il servizio è completamente gratuito! In qualsiasi momento sarà possibile disdirlo inviando un messaggio con testo “STOP NEWS” allo stesso numero.
Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.