Acquisto nuova SIM Wind: in alcuni negozi costa meno

Invece di 10 euro, alcuni negozi propongono una nuova SIM Wind al prezzo di 5 euro

4
CONDIVISIONI

Siete intenzionati a passare a Wind, o comunque ad attivare una nuova SIM del gestore arancione? Stando a quanto riportato da ‘mondomobileweb.it‘, c’è da tenere gli occhi aperti per cercare di risparmiare il più possibile. Da un anno a questa parte ormai l’operatore ha optato per la riduzione ad 1 cent il credito residuo presente in una nuova SIM Wind, il cui prezzo è di 10 euro, ma non sempre. In base alla disponibilità locale, infatti, alcuni rivenditori permettono di comprare a 5 euro, con contestuale obbligo di ricarica.

La spesa varia sulla base di alcuni parametri: la disponibilità del negozio, i piani attivi sulla nuova SIM Wind, costi eventuali di attivazione (il credito residuo, in ogni caso, verrà impiegato per il saldo dei rinnovi futuri dell’offerta attivata). Sappiate che occorrono dalle 24 alle 48 ore prima che la nuova SIM Wind risulti effettivamente attiva (in un primo momento sarà possibile effettuare solo chiamate di emergenza): bisognerà dare il tempo al gestore arancio di accogliere le informazioni girategli dal negozio, ivi compresi i dati anagrafici dell’intestatario ed un documento che ne attesti l’identità (come saprete, le ultime normative anti-terroristiche non concedono eccezioni).

Conviene certamente di più risalire ai negozi che offrono la SIM al prezzo di 5 euro in luogo dei classici 10, nonostante l’obbligo di ricarica (soldi che poi vi ritrovereste comunque come credito residuo, da utilizzare come meglio credete, anche per il prossimo rinnovo dell’offerta che deciderete di attivare). Non vi resta che fare il giro dei rivenditori più vicini per capire se nelle vostre zone ce ne sono di quelli che fissato il prezzo di una nuova SIM Wind a 5 euro. State per passare anche voi tra le fila del gestore arancione? Fatecelo sapere lasciando un commento all’articolo attraverso il box qui sotto.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.