Victoria Beckham spiega perché non ha preso parte alla reunion delle Spice Girls: “Preferisco la famiglia”

Posh Spice si ritiene una donna felice e dice di non voler cambiare la sua posizione

1
CONDIVISIONI

La reunion delle Spice Girls con un tour nel Regno Unito è stato uno degli eventi più attesi del 2019, e recentemente è stato annunciato un bis nel 2020 con date internazionali. All’appello, però, è sempre mancata Victoria Beckham, che negli anni d’oro era nota anche con Posh Spice. La sua scelta è stata aspramente criticata da Mel B che durante un’intervista ha fatto notare che la ex compagna di avventure si è limitata a incoraggiare la band prima della reunion, senza aggiungere altro.

La magra consolazione per i fan e per la storica band sarà un film di animazione nel quale comparirà anche Victoria. Sulla sua scelta di non partecipare alla reunion delle Spice Girls, la signora Beckham si è pronunciata durante un’intervista rilasciava a Vogue Germany. Alla base della sua decisione, in sostanza, ci sono la sua famiglia e la sua azienda, una casa di moda che porta il suo nome.

Victoria ha raccontato di aver avuto bisogno di coraggio, per tirarsi fuori dal progetto:

La scelta di non partecipare al tour delle Spice Girls ha richiesto tanto coraggio. Alcuni penseranno che in realtà non ci siano gli equilibri di una volta, che le cose siano diverse, visto che sono passati tanti anni. Ecco, io rispondo che preferisco occuparmi della mia famiglia e della mia azienda. Ora ho 45 anni e sono felice di essere la donna che sono. Non ho intenzione di cambiare, voglio essere la migliore versione di me stessa. Prima di arrivare ai 40 anni non ero così sicura, poi ho imparato ad ascoltare il mio istinto.

Victoria Beckham partecipò a una prima reunion delle Spice Girls nel 2007 con un tour mondiale di 47 date che arrivò anche in Europa, ma a quanto pare per Posh Spice è stato sufficiente per salutare i fan un’ultima volta, prima di dedicarsi completamente alla sua vita privata.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.