Tre fan club di Michael Jackson denunciano gli accusatori di Leaving Neverland

Dalla Francia parte un tentativo di smuovere la legislazione USA sulla diffamazione contro le persone defunte

2
CONDIVISIONI

L’effetto Leaving Neverland continua con la denuncia contro Wade Robson e James Safechuck da parte di tre fan club di Michael Jackson con sede in Francia. Il documentario diffamatorio di Dan Reed, infatti, dal momento del suo lancio al Sundance Film Festival è stato oggetto di una sentita battaglia legale da parte della fondazione intitolata alla popstar scomparsa e da parte della famiglia, con denunce che hanno raggiunto anche l’emittente HBO per la scelta della messa in onda.

La vicenda, in termini legali, merita un approfondimento: negli Stati Uniti e nel Regno Unito la legge sulla diffamazione non si estende alle persone decedute, per questo il co-esecutore degli eredi John Branca ha raccontanto all’Associated Press che l’avvocato Emmanuel Ludot si sta impegnando insieme ai tre fan club francesi con il fine di far emergere la verità.

In sostanza la Michael Jackson Community, MJ Street e On The Line – questi i nomi dei fan club di Michael Jackson – hanno citato in causa Wade Robson e James Safechuck, principali accusatori della popstar e protagonisti di Leaving Neverland, per cercare di modificare la legislazione sulla diffamazione nel Regno Unito e negli Stati Uniti.

Leaving Neverland si basa solamente sulle testimonianze di Robson e Safechuck, che nel docufilm accusano Michael Jackson di abusi sessuali e pedofilia senza interpellare una controparte che metta in discussione le loro affermazioni. La campagna di diffamazione ha portato il mondo dello spettacolo a prendere una posizione, come nel caso di Madonna, ma soprattutto la sorella Janet ha ricordato quanto l’eredità artistica del fratello abbia cambiato il mondo.

Dopo le prime sollevazioni durante la prima proiezione di Leaving Neverland, i fan club di Michael Jackson si stanno unendo per interrompere le accuse infondate che una certa parte del mondo dello spettacolo ancora rivolge contro la popstar di Smooth Criminal.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.