Svelata la tracklist del nuovo album di Liam Gallagher Why Me? Why Not

Quasi ufficiale la tracklist del nuovo album di Liam Gallagher in uscita il 20 settembre

27
CONDIVISIONI

La tracklist del nuovo album di Liam Gallagher sembra emergere da una serie di post che l’ex Oasis ha affidato al suo Twitter ufficiale.

A balzare all’occhio è la serie di titoli che potrebbe far parte di Why Me? Why Not, che Liam Gallagher rilascerà per il mercato a cominciare dal 20 settembre.

La novità arriva proprio nei giorni in cui l’ex Oasis si trova in Italia per la data al Collisioni Festival di Barolo, dove ha tenuto un concerto nella serata del 4 luglio.

Questi dovrebbero essere i brani contenuti nel nuovo album da solista di prossima pubblicazione, quello che darà un seguito naturale a As You Were che ha rilasciato nel 2017.

Shockwave
One Of Us
Once
Now That I’ve Found You
Halo
Why Me? Why Not
Be Still
Alright Now
Meadow
The River
Gone

Questa sarà, presumibilmente, la tracklist del nuovo album di Liam Gallagher, il secondo da solista dopo la rottura definitiva con gli Oasis. Stando a quanto dichiarato dallo stesso artista, dovrebbe essere previsto un terzo volume della trilogia che è iniziata con As You Were e dopo la quale si prenderà una pausa per lavorare a nuovi progetti.

La faida familiare con il fratello Noel, invece, non accenna a placarsi. In queste ultime ore, Liam si è anche scusato con la famiglia per i continui attacchi indirizzati al fratello, che compaiono sui social per ogni minima mossa del fratello maggiore, che sia per un concerto o per una frase spesa sui social.

Dopo la pubblicazione dell’album, Liam Gallagher sarà ancora in Italia per due date le cui prevendite stanno per essere avviate. I biglietti saranno infatti in prelazione esclusiva dal 10 luglio, mentre per la prevendita generale occorrerà aspettare fino al 12 luglio. Le date sono in programma per il 15 febbraio al Palazzo Dello Sport di Roma e per il 16 febbraio al Mediolanum Forum di Assago.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.