Beccate circa 200 app Android con adware nel Google Play Store: avete notato stranezze?

Circa 200 app Android apparentemente funzionanti nascondevano adware: rimosse dal Google Play Store

3
CONDIVISIONI

Il Google Play Store dovrebbe essere un posto sicuro, ma sappiamo che molto spesso non è così: un recente studio di Trend Micro ha dimostrato che oltre 182 app Android sono imbottite di adware che hanno contaminato gli smartphone di milioni di utenti. Come riportato da ‘androidheadlines.com‘, ad essere coinvolto non è solo il Google Play Store: anche i negozi di terze parti sono responsabili della diffusione malevola.

Purtroppo, 8 app Android delle 182 e rotte menzionate sopra sono state scaricate da circa 9 milioni di utenti, ed anche di più, prima di essere state cancellate dal market-place. Secondo l’agenzia di sicurezza, le app Android presentavano un funzionamento regolare per almeno mezz’ora (in alcuni casi anche per 24 ore) prima che venissero attivate pubblicità a schermo intero, così da far registrare recensioni positive, il tutto all’insaputa delle vittime.

L’obiettivo era quello di invogliare altri utenti al download delle suddette app Android, alimentando il circolo vizioso. Pensate che alcune di queste app Android erano state programmate in maniera tale da occultare la loro icona, così da evitare che gli utenti potessero in seguito disinstallarle. Le pubblicità moleste a schermo intero venivano mostrate nel momento in cui si sbloccava il dispositivo, riapparendo solitamente ogni 5 minuti, ad intervalli regolari.

Le 128 e oltre app Android scoperte da Trend Micro non erano di per sé dannose, ma rendevano più macchinosa l’esperienza utente (non è bello veder comparire all’improvviso pubblicità a schermo intero che non si riescono a rimuovere subito e con facilità). Dal Google Play Store tali app Android sono state rimosse: speriamo se ne vedano sempre meno nel corso del tempo (estirparle completamente forse non sarà possibile, ma almeno ridurle in modo drastico speriamo di sì). Se avete qualche domanda da farci, non esitate a contattarci attraverso l’apposito box in basso.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.