A Morgan il Premio Bindi alla carriera

Il prestigioso riconoscimento a Morgan nel corso della quindicesima Edizione della rassegna musicale dedicata al Premio Bindi

999
CONDIVISIONI

A Morgan il Premio Bindi 2019 alla carriera, che riceverà nel corso della serata conclusiva dedicata ad uno dei più interessanti e iconici cantautori della musica italiana, Fabrizio De André. La rassegna musicale in omaggio alla importante storia artistica del cantautore Umberto Bindi,  uno dei maggiori esponenti della cosiddetta scuola genovese assieme a Bruno Lauzi, Gino Paoli, Fabrizio De Andrè e Luigi Tenco. Giunta alla XV Edizione, la manifestazione vedrà protagonisti tanti giovani musicisti, artisti ed ospiti in tre serate, dal 5 al 7 luglio, a Santa Margherita Ligure (GE).  Una consacrazione musicale del passato, presente e futuro della canzone d’autore. 

“Il Premio Bindi non è soltanto un appuntamento fisso dell’estate di Santa Margherita Ligure -dichiara il sindaco della città, Paolo Donadoni – ma si è consolidato nel panorama della musica cantautorale italiana, affermandosi come un punto di riferimento per tanti giovani artisti. Ed è tuttora un piccolo grande contributo per tener vivo il ricordo di Umberto Bindi, un uomo gentile, buono e un grande artista”. Il Premio rappresenta dunque una vetrina ed uno spazio musicale per gli artisti emergenti, un vero e proprio happening per la promozione di progetti di qualità.

Il Premio Bindi è anche un’occasione importante per le nuove realtà musicali che potranno esibirsi e confrontarsi su un palcoscenico prestigioso, davanti ad una giuria di esperti e di addetti ai lavori. Tre serate durante le quali ci saranno ospiti di prestigio, a testimonianza della continuità artistica tra artisti affermati e cantautori in rampa di lancio. Dedicato al compianto artista Umberto, con la direzione artistica di Zibba, è da sempre una realtà di incontro, di scambio e di crescita artistica, esaltata da giurati di assoluta qualità, provenienti dal mondo dell’industria musicale italiana.

Il palcoscenico del Bindi ha ospitato nel corso degli anni grandi nomi della musica italiana, quali: Gino Paoli, Mauro Pagani, Antonella Ruggiero, Eugenio Finardi, Morgan, Niccolò Fabi, Andrea Mirò, Frankie Hi NRG, Cristina Donà, Francesco Baccini, Pacifico, Paolo Jannacci, Alberto Fortis, Fausto Mesolella, Avion Travel, Vittorio De Scalzi, Maurizio Lauzi, Carlo Fava, Massimo Bubola, Quintorigo, Renzo Rubino, Enzo Iacchetti, Filippo Graziani, Cristina Donà, Mario Venuti, Izi. La rassegna è sostenuta dal contributo del Comune di Santa Margherita Ligure, della Regione Liguria e della SIAE, Società Italiana degli Autori ed Editori.

Il programma, come ogni anno, è ricco di iniziative. Nella prima serata del 5 luglio, presso l’Acoustic Stage (ore 21.30), si esibiranno i Cartabianca, vincitori del concorso “Non è mica da questi particolari che si giudica un cantautore”, e Agnese Valle, vincitrice del Premio Mario Panseri 2018. PREVISTA ANCHE la partecipazione di Pino Marino, coautore del brano vincitore del Premio Panseri “Come la punta del mio dito”. La serata è condotta da Enrico Deregibus. Inoltre verrà presentato il volume “I ragazzi che…”, raccolta di riflessioni, poesie e disegni realizzati da persone con disabilità del Centro Anffas Villa Gimelli. Il libro è a cura dei servizi bibliotecari del Comune di S. Margherita Ligure. 

La seconda giornata inizierà alle 18 con la prima esibizione degli otto finalisti di questa edizione: Daniele Aliperti, Lamine, Leanò, Francesco Lettieri, Nevruz, Sale, Micaela Tempesta e Il Terzo Istante. In serata sarà la volta della seconda esibizione.  La giuria è composta da: Massimo Poggini (giornalista/direttore Spettakolo.it), presidente di giuria, Roberta Balzotti (Rai), Claudio Cabona (giornalista), Daniela Cappelletti (Radio Italia), Armando Corsi (musicista), Massimo Cotto (autore/conduttore), Gaetano d’Aponte (Premio Bianca d’Aponte), Daniela Esposito (ufficio stampa), Guido Festinese (critico musicale), Riccardo Loda (Warner Chappell italiana), Elisabetta Malantrucco (RadioRai), Lucia Marchiò (Repubblica), Marco Mori (AudioCoop), Francesco Paracchini (L’Isola che non c’era), Ezio Poli (L’Isola ritrovata).  

Il Premio Bindi New Generation, quest’anno sarà riconosciuto a Venerus, un giovane talento musicale, considerato uno più interessanti artisti dello scenario attuale musicale indipendente. 

Il 7 luglio presso l’Acoustic Stage alle 18.30, il consueto happening pomeridiano condotto da Enrico Deregibus. In programma la live performance del vincitore del Premio Bindi 2019. Successivamente il pubblico incontrerà il cantautore Federico Sirianni e potrà assistere alla presentazione del libro “Il pianeta della musica”, insieme all’autore Franco Mussida, e “Massimo Riva Vive!”, gli interventi di Massimo Poggini e Claudia Riva e l’introduzione di Elisabetta Malantrucco.

Alle 21.30, all’Anfiteatro Bindi, con le esibizioni di Federico Sirianni, Morgan e The André è prevista una serata imperdibile che ripercorrerà i capitoli della vita musicale di De Andrè. Sarà questa l’occasione per consegnare a Morgan il Premio Bindi alla Carriera. Insieme a Franco Mussida, quest’anno vincitore del Premio Bindi Artigianato della Canzone 2019. Conduce la serata Massimo Cotto.

MainPartner: Warner Chappell Music Italiana. Partner: ILive Music, NuovoImaie, Platonica, Astarte Agency, UnipolSai Annichiarico Assicurazioni, Targa Quirici, Storti Strumenti Musicali, Spettakolo.it, TWebNews, Radio Aldebaran

Per maggiori informazioni: www.premiobindi.com – info@premiobindi.com

Venerus

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.