Anche Katy Perry al fianco di Taylor Swift contro Scooter Braun: si schierano Urie, Adele e Rihanna. E Ariana Grande?

Nello scontro tra Taylor Swift e Scooter Braun dopo la vendita di Big Machine scendono in campo le popstar, ma Ariana Grande prova a dirsi neutrale

3
CONDIVISIONI

Mentre i suoi clienti più celebri si stanno schierando dalla sua parte per difenderlo, molte altre star stanno invece supportando Taylor Swift contro Scooter Braun.

La popstar ha definito il manager, ora entrato nel consiglio di amministrazione dell’etichetta Big Machine con cui la Swift ha pubblicato tutti i suoi album in carriera finora, un bullo che ha agito in maniera subdola e manipolatoria nei suoi confronti per rovinarle la carriera.

L’attacco della popstar diretto al manager di Justin Bieber e Ariana Grande è partito dopo la notizia che la Big Machine – lasciata dalla Swift poco prima che fosse venduta – è stata acquistata dalla società di Scooter Braun, Ithaca Holdings. In questo modo, i diritti sui sei dischi in carriera della Swift passano sotto il controllo dell’ultima persona al mondo che la popstar avrebbe voluto potesse guadagnare dalla sua musica. La cantautrice, infatti, ha spiegato che a causa di un contratto firmato quando aveva solo 15 anni non è mai stata in grado di possedere pienamente i diritti di master del suoi album.

Se Justin Bieber e Demi Lovato hanno difeso il loro manager sostenendo che sia una brava persona, molti altri si sono indignati alla notizia che la Swift non abbia la possibilità di possedere pienamente i diritti sulla sua produzione artistica. La mobilitazione ha coinvolto anche il pubblico: un fan ha creato una petizione di Change.org chiedendo che la Swift possa reincidere e ri-pubblicare tutto il suo catalogo musicale con la sua nuova etichetta Republic Records (Universal Music) in modo da poterne mantenere la proprietà. 

Sembra che tra le oltre centomila firme ci sia anche quella di Katy Perry, visto che un account con questo nome ha firmato e lasciato questo messaggio: “Sto con Taylor. Sii forte amica mia“. Se così fosse, sarebbe un’ulteriore dimostrazione della pace fatta dopo anni di faida e dell’amicizia appena nata e sancita anche dal video del singolo You Need to Calm Down.

Oltre alla presumibile firma della petizione, sembra che la Perry ed altre star – l’amica di sempre della Swift Selena Gomez, ma anche Rihanna, Adele, Camila Cabello, Charli XCX e Miley Cyrus – abbiano smesso di seguire Scooter Braun sui social media, in segno di solidarietà con la collega.

Per fino Cher ha twittato il suo supporto alla giovane collega.

Su tutti, Halsey è stata una delle prime cantanti a mostrare sdegno sui social, scrivendo una lettera su quanto sia assurdo che una delle popstar più talentuose e potenti della scena mondiale non sia libera di possedere i diritti sulla sua musica. Ma la presa di posizione più forte è stata certamente quella di Brandon Urie dei Panic! At the Disco, suo partner nel brano Me che anticipa il nuovo album Lover.

Ecco il video con cui Urie ha manifestato tutto il suo appoggio alla collega con cui ha appena inciso un duetto. Lo fa senza mezzi termini, confermando l’opinione della Swift che Scooter Braun sia un bullo e chiamandolo “pezzo di m****“.

Resta in silenzio, almeno per ora, Ariana Grande, certamente la diva di punta della scuderia di Braun e la sua artista dal maggior successo commerciale in questo momento. Secondo alcune fonti di Variety, alla popstar sarebbe stato chiesto di non esporsi pubblicamente. La Grande ha però pubblicato una storia su Instagram, cancellata nel giro di un minuto, in cui prova a dirsi neutrale sulla vicenda pur manifestando vicinanza alla collega.

Non supporterei mai una persona per ferirne un’altra. Gli ho parlato personalmente appena ho saputo della vicenda. Non ho intenzione di rendere pubblica questa conversazione o farmi coinvolgere ma ho constatato opinioni contrastanti rilasciate da persone che usano il mio nome. Per favore, diffondete l’amore. Mi dispiace Taylor, sii forte.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.