Almeno 10 novità per ASUS Zenfone 6 con l’aggiornamento 16.1210.1906.156

A palate le novità dell'aggiornamento 16.1210.1906.156 appena rilasciato per il top di gamma ASUS Zenfone 6

22
CONDIVISIONI

Si fa sotto una bella novità per gli ASUS Zenfone 6: come riportato sul forum ufficiale ‘ZenTalk‘, il top di gamma taiwanese si è predisposto per la ricezione dell’aggiornamento 16.1210.1906.156 di giugno 2019, che include il supporto a ARCore (piattaforma di Big G per l’implementazione di contenuti in AR). Il modello a cui si rivolgono le modifiche corrisponde alla sigla ZS630KL.

Tra gli interventi realizzati anche diverse migliorie per l’ottimizzazione del sistema di videochiamata, l’attivazione dello zoom 8x in modalità Foto, la rimozione del limite temporale per la videoregistrazione in FHD, è stata inclusa la feature per dare inizio e fine alla videoregistrazione con il bilanciere del volume, gli screenshot risultano adesso più stabili ed è stato risolto un disturbo relativo a questa stessa funzionalità. L’aggiornamento 16.1210.1906.156 migliora la qualità delle foto tramite la riduzione del rumore, oltre che alla stabilità della flipped camera. Le stringe di traduzione all’interno delle impostazioni appaiono aggiornate, così come le patch di sicurezza, adesso relative al mese di giugno 2019 (sebbene da qualche giorno sia iniziato per i primissimi dispositivi il rilascio della patch di luglio).

Da possessori dell’ASUS Zenfone 6 dovreste ricevere l’OTA del pacchetto in tempi molto stretti, fermo restando che il rilascio è progressivo, e non simultaneo (questo significa che l’avvio della distribuzione non toccherà tutti gli esemplari contemporaneamente, ma il roll-out avverrà a scaglioni). Verificate anche adesso la disponibilità dell’upgrade attraverso le impostazioni del vostro ASUS Zenfone 6, procedendo all’installazione laddove rilevato, sempre che la batteria del dispositivo sia superiore al 50% (non dovrete temere, al contrario, per i dati personali, che non verranno cancellati, a meno che non vogliate procedere con un ripristino allo stato di fabbrica, effettuandone prima un backup). Se avete altri dubbi, non esitate a chiedere inoltrandoci il vostro quesito attraverso il box dei commenti in basso.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.