Presentata La Casa di Carta 3, “un puzzle” da comporre e più morti in vista: la quarta stagione già in produzione

Cast e produttori hanno presentato La Casa di Carta 3 alla stampa spagnola: più linee temporali e morti in arrivo, mentre si gira la quarta stagione

683
CONDIVISIONI

A poco meno di un mese dal debutto su Netflix, La Casa di Carta 3 è già stata presentata in Spagna alla stampa specializzata locale, con una conferenza stampa alla presenza del cast, degli showrunner, dei produttori e delle maggiori testate spagnole.

Della terza stagione in arrivo il 19 luglio si sa già molto: tante le new entry del cast, già presentate ufficialmente da Netflix con delle foto ufficiali, mentre la trama e il trailer spiegano perché un gruppo di rapinatori ormai milionari dovrebbe tornare in azione dopo aver fatto il colpo più grosso e riuscito di sempre, quello alla Zecca spagnola.

A raccontare come sia stato ideato questo terzo capitolo inizialmente non previsto ma voluto da Netflix dopo che la serie è diventata virale nel mondo è stato ovviamente il creatore dello show Alex Pina.

Riuniremo la banda per fare qualcosa di grande e sulla base di un fattore emotivo, sarà un colpo apparentemente impossibile per la progettazione della sicurezza.

Girata tra Thailandia, Panama, Regno Unito, Spagna e anche in Italia con le riprese in centro a Firenze dello scorso gennaio che svelarono la presenza del personaggio di Berlino nella nuova stagione, La Casa di Carta 3 è stata girata in oltre due mesi e la produzione non si fermerà. Sono già iniziate, infatti, le riprese della quarta stagione, già prevista dallo scorso anno quando Netflix annunciò di essere entrata nella produzione della serie ed averla rinnovata per due capitoli.

Il produttore esecutivo e regista Jesús Colmenar, che già aveva preannunciato una battaglia epica al centro della terza stagione, ha assicurato che lo standard qualitativo è cresciuto dopo che la serie è diventata la più vista al mondo su Netflix tra quelle non in lingua inglese.

Abbiamo capito che stavamo competendo con gli stessi standard delle altre produzioni che avevamo visto, con la stessa squadra che ha fatto gli altri due capitoli e più soldi c’è stato un brutale salto di qualità.

Alex Pina ha definito La Casa di Carta un titolo ormai da Champions League della serialità, capace di confrontarsi per “intrattenimento, storia e produzione con i maggiori campioni degli Stati Uniti e del Regno Unito“.

Le altissime aspettative intorno alla terza stagione della serie hanno generato inevitabilmente una “paura di deludere il pubblico“, soprattutto viste le premesse da cui la produzione è partita, cioè fare una stagione ancora più ampia e potente delle precedenti.

Pina ha anticipato che la struttura narrativa diventerà molto più complessa: non solo flashback e flashforward come nei primi capitoli, ma un racconto multilivello composto da cinque linee temporali, con una sfida al pubblico: “Lo spettatore deve ricomporre il puzzle“.

Ad innescare il ritorno della banda sarà “il catalizzatore” Rio, arrestato dalla polizia sull’isola su cui si era rifugiato con Tokyo, ma ci saranno anche altri moventi a spingere il gruppo verso la progettazione di un nuovo colpo, che prevede l’assalto alla Banca Centrale di Spagna a Madrid.

Pedro Alonso, Itziar Ituño e Alvaro Morte

L’arresto del giovane da cui partirà la nuova stagione spingerà il “Professore” (Alvaro Morte) – il leader del gruppo e ideatore della rapina – ad essere “molto vendicativo” e avere “un motivo legittimo per tornare“, ma stavolta a differenza del passato non avrà molto tempo per pianificare il nuovo colpo, il che metterà alla dura prova il rapinatore nerd, noto per essere “un uomo che di solito ha tutto sotto controllo“.

Alex Pina e Jesus Colmenar presentano La Casa di Carta 3

Pina ha anche avvisato la stampa che, rispetto alle prime due parti, questa terza avrà più perdite umane tra i personaggi, a causa del maggior livello di azione presente nei nuovi episodi che porterà a lasciare diversi morti sul campo. Inevitabilmente, dunque, la quarta stagione già in produzione vedrà l’addio di qualche membro del cast.

View this post on Instagram

Are you ready???? #19dejulio #lcdp3

A post shared by Vancouver Media (@vancouvermedia_) on

Il poster de La Casa di Carta 3
Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.