Il concerto di Vasco Rossi a Cagliari ha rischiato di saltare, duro scontro tra Regione Sardegna e Live Nation

Il concerto di Vasco Rossi a Cagliari ha rischiato di saltare, braccio di ferro tra Regione e Live Nation

10
CONDIVISIONI

Il concerto di Vasco Rossi a Cagliari ha rischiato di saltare. Questo è quanto emerge nelle ultime ore, nelle quali si era perfino detto che l’organizzazione non avrebbe intenzione di tornare in Sardegna per altri eventi.

A qualche giorno dal primo dei concerti in Sardegna, Antonella Lodi di Live Nation avrebbe ricordato all’Assessore al Turismo Gianni Chessa quali fossero le condizioni da rispettare perché i concerti fossero confermati, ovvero una location da almeno 30000 posti e la copertura della stessa e dei relativi servizi.

Il concerto si è svolto come da programma, ma – nelle ultime ore – è Massimo Palma di Sardegna Concerti a tornare sull’argomento, scoccando degli strali infuocati all’indirizzo della Fiera e dell’ex assessore alla cultura del Comune di Cagliari Paolo Frau.

Scrive Sardegna Concerti:

“Nel porgere le nostre scuse a Live Nation, per avere indebitamente riportato, attribuendola ai suoi massimi dirigenti, la frase “mai più in Sardegna”, confermiamo punto per punto tutte le criticità denunciate nella lettera-appello al Sindaco, ivi compresa la frase incriminata, che a questo punto facciamo nostra, come facile profezia di quello che accadrà qualora non si dovessero affrontare i problemi denunciati. Da tale profezia sono ovviamente esclusi gli eventi programmati da tempo e per i quali sono stati già venduti migliaia di biglietti, come quello di Tiziano Ferro nel 2020. Perché è ovvio che un’organizzazione importante come la Live Nation manterrà in ogni caso gli impegni assunti con l’artista e con il suo pubblico. Quanto al resto, facciamo parlare i documenti”.

Sulle colonne di L’Unione Sarda, si conferma lo stanziamento di 200mila euro a favore dell’ente fieristico per la promozione di eventi tra i quali i due concerti che Vasco Rossi ha già tenuto. La Fiera smentisce che sia esistito un accordo con l’Assessorato al Turismo, capitanato proprio da Gianni Chessa.

Nella lettera di Sardegna Concerti, non si risparmiano critiche anche nei confronti dell’Amministrazione Comunale di Cagliari:

“L’assessore sostiene che del regolamento approvato dal Commissario il 12 giugno 2019 non hanno mai visto neanche una bozza, non abbiamo dubbi che dica il vero. Ma questo è, se vogliamo, ancora più grave, perché conferma il fatto che su questa materia la Giunta Comunale non solo non coordinava alcunché, ma neppure governava. Dato che non è assolutamente plausibile che un regolamento che nasce da obblighi derivanti da una legge del 2017, non sia stato oggetto di lavori da parte degli uffici comunali”

Infine, non si risparmiano critiche per il servizio di soccorso, con 12 ambulanze a fronte dell 6 disposte per San Siro più una che è rimasta a disposizione per chi ha voluto mettersi in fila nei 4 giorni precedenti al concerto.

Gli spettacoli di Vasco Rossi hanno quindi rischiato di saltare, ma di chi sarebbe stata la responsabilità?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.