Liam Gallagher in Italia nel 2020, biglietti in prevendita per i concerti a Roma e Milano

Due date in Italia per il tour 2020 di Liam Gallagher, prevendite al via in tre scaglioni

8
CONDIVISIONI

Liam Gallagher in Italia nel 2020, a febbraio, per due concerti a Roma e Milano. L’artista sarà sabato 15 febbraio al Palazzo dello Sport di Roma e domenica 16 febbraio al Mediolanum Forum di Assago (Milano) per due show della tournée a supporto del nuovo disco di inediti.

Il nuovo album di Liam Gallagher verrà rilasciato il 20 settembre con il titolo Why Me? Why Not, su etichetta Warner Records, anticipato dal singolo Shockwave. Il brano ha debuttato ai vertici delle classifiche vinili e ai vertici della Trending Chart e anticipa lo spettacolo di Liam Gallagher a Glastonbury sabato 29 giugno sul celebre palco piramidale per una performance epica.

A seguire, farà ritorno in Italia, a Barolo, per il festival Collisioni il 4 luglio prima dei due concerti del tour 2020 che lo porteranno nei palasport italiani-. Due le date confermate, una a Roma e una a Milano rispettivamente il 15 e il 16 febbraio.

I biglietti per i due concerti saranno disponibili dalle ore 10.00 di venerdì 12 luglio su TicketMaster e TicketOne e in tutti i punti vendita autorizzati. I fan che pre-ordineranno il disco Why Me? Why Not. riceveranno l’accesso esclusivo alla pre-sale del tour dalle ore 10.00 di mercoledì 10 luglio fino alle ore 10.00 di venerdì 12. Gli iscritti a My Live Nation avranno invece modo di accedere alle prevendite dalle ore 10.00 di giovedì 11 luglio (per 24 ore).

Su Why Me? Why Not. Liam promette: “Volevo che questo mio secondo disco fosse superiore a quello precedente. Sarà un album migliore di “As You Were” e questo la dice lunga, perché è stato un disco epico, no?!” 

Dal nuovo disco, l’artista ha anticipato anche il brano The River, con un riff che rimanda ai Led Zeppelin e all’energia tipica della corrente musicale Madchester, rimanendo sempre moderno e contemporaneo. Il brano è stato co-scritto da Liam assieme al produttore Andrew Wyatt (co-autore, fra gli altri, anche del brano “Shallow” del film “A Star is Born”), con cui l’artista di Manchester aveva già collaborato nel precedente album As You Were.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.