Nessun rimpianto per Jim Parsons dopo The Big Bang Theory: “Sheldon è stato spremuto abbastanza”

La nuova vita di Jim Parsons dopo la fine di The Big Bang Theory, l'attore guarda al futuro in positivo e senza nessun rimpianto per il suo Sheldon

5
CONDIVISIONI

Jim Parsons ha da poco detto addio a The Big Bang Theory. L’ultimo episodio della serie è andato in onda su Premium JOI ed è stato reso disponibile anche sulla piattaforma Infinity. Per l’attore, pluripremiato agli Emmy, si apre un nuovo capitolo della sua vita.

A Variety ha raccontato cosa significa allontanarsi dal pubblico e da un personaggio che ha interpretato per dodici anni e rimettersi in gioco con un progetto del tutto inedito. Si tratta di The Boys in the Band, un adattamento Netflix prodotto da Ryan Murphy di uno spettacolo a cui aveva partecipato a Broadway lo scorso anno.

In dodici stagioni di The Big Bang Theory, Jim Parsons ha dato voce a un personaggio che i fan continueranno a guardare nello spinoff Young Sheldon, serie che narra l’infanzia del piccolo genio texano.

“Ho spremuto la linfa vitale di quel personaggio. Alcune persone lo avrebbero fatto probabilmente più a lungo, non il nostro show, ma intendo interpretare un personaggio. Ma sento che abbiamo davvero preso tutto quello che Sheldon aveva da offrire.”

Probabilmente anche gli autori di The Big Bang Theory devono aver pensato la stessa cosa ed è stato questo uno dei motivi per cui hanno scelto di chiudere la serie con la sua dodicesima stagione.

The Big Bang Theory gli ha regalato nuove opportunità creative come The Boys in the Band, che racconta la storia di un gruppo di uomini gay che si riuniscono per celebrare il compleanno di uno di loro. Più passano il tempo insieme e più emergono cose del loro passato e litigano contro una società che non li accetta. Riguardo il suo personaggio, Parsons, 46 anni, ha dichiarato: “Nuota più veloce che impedire che vengano a galla la sua psiche e i suoi sentimenti di odio verso se stesso. Ma non ci riesce.”

La star ha anche spiegato come col passar del tempo, la serie si sia evoluta e siano cambiati anche i tempi, permettendogli di vivere a pieno la sua omosessualità. Jim ha fatto coming out nel 2012 tramite un articolo pubblicato sul New York Times. In quell’occasione ha reso pubblica la sua relazione con il direttore artistico Todd Spiewak; la coppia si è sposata il 13 maggio 2017 a New York.

Jim Parsons, che troveremo ancora come voce narrante di Young Sheldon per i prossimi due anni, non ha rimpianti ma solo gratitudine per The Big Bang Theory.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.