Anthem pronto a reagire, EA preannuncia mesi di fuoco

Sono stati mesi difficili per il titolo del publisher statunitense: il futuro sembra però arridere a Bioware ed EA

7
CONDIVISIONI

Dopo i numerosi proclami antecedenti la fase d’uscita, da Anthem ci si sarebbe aspettati di certo molto di più. La nuova IP di Bioware patrocinata da Electronic Arts aveva tutte le carte in regole per divenire uno dei titoli di riferimento dell’intero panorama videoludico, complice una realizzazione tecnica che sembrava essere mozzafiato e le promesse del team di sviluppo di contenuti sempre freschi utili a stuzzicare l’appetito dei videogiocatori.

Qualcosa non ha però evidentemente funzionato, con Anthem che si è trovato praticamente da subito affetto da una sequela di bug che ne hanno minato la diffusione. L’E3 2019, con l’evento privato di Electronic Arts (EA Play 2019), era il punto di ri-partenza ideale per il gioco, che a questo punto ha un duplice compito: quello di correggere le defezioni evidenziate nei primi mesi di vita e quello di convincere gli scettici, rimasti scottati da sessioni di gioco chiaramente non all’altezza delle aspettative.

Il futuro sembrerebbe però essere meno tragico di quanto non ci si potrebbe immaginare per Anthem, con il CEO di Electronic Arts, Andrew Wilson, che ha rassicurato la community del gioco. Stando a quanto riportato da WCCFTech infatti, il capoccia del colosso statunitense ha una visione piuttosto ottimistica in vista dei prossimi mesi, visto l’impegno profuso dal team di sviluppo negli ultimi tempi che promette migliorie utili a trasformare Anthem nel gioco promesso mesi addietro.

Certo è che la roadmap sciorinata subito dopo il lancio del gioco è stata pressoché impossibile da rispettare, vista la necessità da parte dello studio di correre ai ripari per via dei numerosi bug riscontrati. Resta quindi a questo punto da vedere quali saranno i tempi tecnici necessari per riportare l’IP di Bioware sui giusti binari, quelli che volevano il titolo pronto a restare sulla scena videoludica per un lasso di tempo compreso tra i sette e i dieci anni.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.